Pubblicato il

«Una farsa il bando della Multiservizi»

S. MARINELLA. Nuovo affondo sulla municipalizzata cittadina da parte di ‘‘Un’altra città è possibile’’ e del consigliere Andrea Bianchi Secondo gli esponenti della lista civica «non ha senso assumere nuovo personale se non è possibile garantire quello attuale» Andrea Bianchi parla invece di «spot elettorale», ma rassicura sulla legalità: «Ho ricevuto precise garanzie dal presidente»

S. MARINELLA. Nuovo affondo sulla municipalizzata cittadina da parte di ‘‘Un’altra città è possibile’’ e del consigliere Andrea Bianchi Secondo gli esponenti della lista civica «non ha senso assumere nuovo personale se non è possibile garantire quello attuale» Andrea Bianchi parla invece di «spot elettorale», ma rassicura sulla legalità: «Ho ricevuto precise garanzie dal presidente»

di ALESSANDRO D’ALESSIO

SANTA MARINELLA – Multiservizi, nuovo affondo da parte delle opposizioni. Stavolta a prendere la parola contro il bando predisposto alla selezione di nuovo personale sono i rappresentanti della lista ‘‘Un’altra città è possibile’’. Secondo gli esponenti della minoranza, il bando, al quale seguirà la formazione di una graduatoria per operai specializzati, «sarà sicuramente accolto con molto favore da una popolazione affamata di lavoro e priva di prospettive». «Ma che credibilità può avere – affermano da ‘‘Un’altra città è possibile’’ – un bando di assunzione, quando la Multiservizi non riesce a garantire gli stipendi ai suoi dipendenti oltre febbraio? E come non vedere la strana coincidenza di un bando che promette (o piuttosto illude) sulla possibilità di avere un lavoro guarda caso proprio a ridosso delle elezioni regionali? Se fosse così, sarebbe grave, anzi gravissimo. La maggioranza starebbe facendo campagna elettorale sulla pelle dei cittadini che hanno bisogno di lavorare, invece di dare risposte serie ai problemi della Multiserivizi. I bilanci della municipalizzata sono stati sempre traballanti, come poco trasparente è stata fin qui la sua gestione finanziaria». «La revisione dello statuto – concludono dalla lista civica – per favorire un maggiore controllo da parte del consiglio comunale in materia di assunzioni e sull’operato del cda, di fatto non è mai stata recepita dalla Multiservizi, i cui vertici sono ovviamente tutti di nomina Pdl. Invece di promettere e sbandierare altre assunzioni proprio in questo momento, sarebbe davvero più serio e responsabile dire al più presto, come si intende garantire la continuità lavorativa degli attuali dipendenti». Sulla stessa lunghezza d’onda anche il consigliere Andrea Bianchi, il quale definisce l’iniziativa del bando «uno spot elettorale». «Questo concorso è un modo per fare politica, la maggioranza ancora una volta ha dato dimostrazione della sua scorrettezza». Al tempo stesso però Bianchi rassicura sulla regolarità delle procedure per la selezione del personale. «Sono stato questa mattina (ieri ndr.) – afferma Bianchi – dal presidente della Multiservizi Bruno Ricci, il quale mi ha dato delle garanzie precise in merito alla regolarità del bando. Saranno rispettate le norme, anche perchè noi della minoranza vigileremo durante la selezione».

ULTIME NEWS