Pubblicato il

“Cittadini si diventa”, oltre 900 bambini in piazza

TARQUINIATARQUINIA – Cittadini si diventa, non si nasce. Oltre 900 bambini della scuola elementare e dell’infanzia “Corrado e Mario Nardi” hanno partecipato all’iniziativa conclusiva del progetto di educazione civica “Cittadini si diventa – Dritti dritti ai diritti!!!” organizzato dal Circolo Didattico di Tarquinia, con il sostegno dell’Amministrazione Comunale, della Banca della Tuscia e delle aziende Giove Gas e ISAM, che ha visto gli alunni nel corso dell’anno studiare la storia della bandiera italiana, trattare i temi della legalità e della convivenza civile e analizzare gli articoli della Convenzione Internazionale dei diritti dell’infanzia. La giornata si è aperta in piazza Giacomo Matteotti con il saluto del sindaco Mauro Mazzola, dell’assessore alla Pubblica Istruzione Sandro Celli e del preside Angelo Maria Contadini. «I bimbi sono stati gli assoluti protagonisti. Il loro entusiasmo ha contagiato tutti. – dichiara il primo cittadino – Portare in piazza quasi mille alunni con i genitori dimostra che il lavoro svolto è stato eccellente. Non credo di sbagliare, quindi, se considero questa iniziativa una delle più importanti mai realizzate a Tarquinia a livello scolastico». Parole riprese dall’assessore Sandro Celli che ha aggiunto: «Il Comune insieme agli istituti della città si è impegnato per garantire servizi integrativi qualitativamente diversificati e un’offerta didattica più rispondente alle esigenze dei ragazzini. – afferma – Per il futuro questo impegno non verrà meno, proseguendo la proficua sinergia intrapresa con il mondo della scuola». A seguire è stata inaugurata nel palazzo comunale la mostra “Dritti diritti ai diritti!!!”, con l’esposizione di ventisei pannelli realizzati da tutte le classi e incentrati sugli articoli della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia. Le opere esposte sono state raccolte in un libro fotografico. La stracittadina “Dritti Dritti ai Diritti!!!” ha chiuso l’evento. Gli alunni, con indosso simpatici cappellini colorati e magliette bianche, hanno percorso le vie principali del centro storico, formando un lunghissimo e chiassoso serpentone accompagnato da insegnanti e genitori.

ULTIME NEWS