Pubblicato il

“Ecco perché non sono state utilizzate le autobotti di Etm”

Il Polo Civico dalla parte di Campidonico

Il Polo Civico dalla parte di Campidonico

CONSIGLIOCIVITAVECCHIA – Il Polo Civico – Italia dei valori fa una riflessione sull’utilizzo delle autobotti per fronteggiare la crisi idrica. «Non si è mai preferito utilizzare le autobotti dei privati in luogo di quelle di Etm – si legge in una nota – in una prima fase si è attinto dagli allacci di rifornimento di Civitavecchia e sono state utilizzate le autobotti del Comune, dell’Esercito e di privati. In questo caso – spiegano dal partito – si trattava di mezzi con una capacità di 12 – 18 mc e idonei per rifornire i condomini. Tali mezzi – prosegue la nota – sono stati utilizzati sino a quando la pressione dell’acqua ha consentito un rifornimento diretto dagli allacci della città. Successivamente la pressione dell’acqua si è ridotta a seguito della diminuzione del livello del fiume Mignone e conseguentemente si è avuta la riduzione della pressione dell’acqua degli allacci cittadini. Va ricordato che le autobotti Etm non sono tecnicamente attrezzate per rifornire i condomini e pertanto una volta riempite è stato necessari trasferire l’acqua nella autobotti più piccole».

ULTIME NEWS