Pubblicato il

L’Acri approva la proposta di Civitavecchia: all’Abruzzo lo 0.15 per mille del patrimonio delle Fondazioni bancarie

Le Fondazioni bancarie di tutta Italia rispondono all’appello del presidente Cacciaglia

Le Fondazioni bancarie di tutta Italia rispondono all’appello del presidente Cacciaglia

CIVITAVECCHIA – Una iniziativa senza dubbio lodevole quella che vede protagonista la Fondazione Cassa di Rispamrio di Civitavecchia, in grado di chiamare a raccolta tutte le altre 81 Fondazioni di tutta Italia per sostenere fattivamente le popolazioni terremotate dell’Abruzzo. E’ partita proprio dal presidente Vincenzo Cacciaglia (nella foto), infatti, la proposta di devolvere, tramite l’Acri, l’associazione delle Casse di Risparmio di Italia, parte del patrimonio di ogni Fondazione. «Nella lettera inviata qualche giorno fa – ha spiegato cacciagali – parlavamo di 20/30 mila euro. L’Acri ha accolto la proposta fissando nello 0.15 per mille la somma da devolvere. Per noi si tratta di 7250 euro, ma abbiamo già deliberato lo stanziamento di 20 mila euro. Sulla percentuale stabilita contiamo di raccogliere, in totale, 7 milioni e 200 mila euro, ma pensiamo che alla fine anche le altre Fondazioni arrotonderanno un po’, potendo arrivare così come minino a 10 milioni di euro». Una somma davvero considerevole che, tramite l’Acri, sarà consegnata alla Fondazione dell’Aquila: sarà l’ente, attraverso una serie di progetti, a stabilire come meglio spenderli. «Una cosa è certa – ha aggiunto Cacciaglia – ci impegneremo affinché vengano stabiliti tempi e programmazioni certe per la ricostruzione, innanzitutto delle abitazioni, per ridare al più presto dignità alle popolazioni colpite».

ULTIME NEWS