Pubblicato il

‘‘Con Eduardo’’ Napoli rivive al Traiano

Il sipario si aprirà questa sera alle 21 con in scena la compagnia civitavecchiese ‘‘ La Bottega dei Comici’’ La regista Gabriella Bianchi: «Vogliamo regalare sorrisi al pubblico cittadino con i nostri cavalli di battaglia» Il testo è tratto dalle scene più divertenti delle opere scritte dal grande autore e attore partenopeo

Il sipario si aprirà questa sera alle 21 con in scena la compagnia civitavecchiese ‘‘ La Bottega dei Comici’’ La regista Gabriella Bianchi: «Vogliamo regalare sorrisi al pubblico cittadino con i nostri cavalli di battaglia» Il testo è tratto dalle scene più divertenti delle opere scritte dal grande autore e attore partenopeo

BOTTEGAdi MATTEO MARINARO

CIVITAVECCHIA – Riflettori accesi questa sera alle 21 al teatro Traiano. Il sipario si aprirà sulla compagnia teatrale “La Bottega dei Comici” che interpreterà “Con Edurado” testo liberamente tratto da alcune delle opere più belle del grande teatro partenopeo di Eduardo De Filippo. Lo spettacolo, diretto da Gabriella Bianchi e da Gloria Salipante, vuole essere un omaggio alla risata ed alla poesia senza mai dimenticare in ogni battuta le grandi verità melanconiche di ogni esistenza umana. La pièce si aprirà con alcuni brani musicali cantati dalla splendida voce di Mina Gallo, per poi lasciare spazio ad uno scatenato Angelo Blasetti “Pulcinella” che accompagnerà il pubblico nella Napoli di tanti anni fa. Poi sarà la volta della prosa con la famosa scena della prova di “ Uomo e Galantuomo”. Gennaro, interpretato dal vulcanico Massimino di Benedetto, tenterà suo malgrado di far interpretare un dramma alla sua sgangherata compagnia di attori, mentre il suggeritore Attilio, lo sbadato e irriverente Ivo Salipante insisterà imbeccando battute errate, mentre Viola (Gloria Salipante) e Florence (Maria De Gaggi) continueranno imperterrite nella loro monotona apatia quotidiana. Subito dopo si riderà invece con l’atto unico “Pericolosamente” opera datata 1938 e tratta dalla “Cantata dei giorni pari”. Nella trama la storia di Michele , che di ritorno dall’America si reca a trovare il suo amico Arturo (un bravissimo Francesco Paolo Scafato) e relativa consorte, quest’ultima dal carattere piuttosto scorbutico. La donna gli racconta di come il marito le “spari” ogni volta che va in collera e di come ogni volta sia graziata, rimanendo illesa.
Dopo l’intervallo la scena si riaprirà con lo struggente monologo del Vico San Liborio di Napoli tratto da “Filumena Marturano” che verrà regalato al pubblico dall’inossidabile Gabriella Bianchi.
La compagnia al completo chiuderà poi lo spettacolo con la scena del tribunale de “O scarfalietto”, vero cavallo di battaglia della “Bottega dei Comici”, opera che vedrà impegnato Don Felice Sciosciammocca (un camaleontico Annibale Izzo) a separarsi dalla moglie, perché a sua insaputa lo scaltro ma buono cameriere Michele Pascone (Stefano Bastianelli) ha infilato nel letto coniugale uno scaldaletto bollente. Nell’aula di tribunale prenderà vita la vicenda con le esilaranti performance dell’avvocato tartagliante (Antonio Tricamo), lo sfaticato usciere (Pier Giuseppe Agozzino), la moglie traditi tradite (Maria De Gaggi e Lucia Felli), l’assonnato testimone (Gennaro Lo Iacono) e l’ineccepibile cancelliere (Antonio Carnevale).

ULTIME NEWS