Pubblicato il

Monteduro ai costruttori: «Gli esposti servono anche a voi»

L’esponente dei Repubblicani europei replica all’intervista di Angela Sampieri: «Nessuno ha apertamente accusato la categoria. La mia azione serve anche a ridare dignità agli imprenditori»

L’esponente dei Repubblicani europei replica all’intervista di Angela Sampieri: «Nessuno ha apertamente accusato la categoria. La mia azione serve anche a ridare dignità agli imprenditori»

CIVITAVECCHIA – «Perché la presidente dell’A.C.C. ha sentito il bisogno di discolpare i colleghi di qualcosa di cui nessuno ci pare li abbia apertamente accusati?» Il segretario dei Repubblicani europei, Vincenzo Monteduro, autore dell’esposto presentato all’Autorità giudiziaria che ha portato al sequestro dello stabile di via Pinelli, ha replicato alle dichiarazioni di Angela Sampieri, che nel presentare l’associazione dei costruttori aveva anche affermato che l’associazione era stata costituita anche per aprire un confronto con chi pensa che «la pianificazione urbanistica debba essere affidata alla Procura». Monteduro si è sentito chiamato in causa, assicurando che il suo comportamento in questi episodi «non è mosso da calcoli politici finalizzati all’arrivismo. La mia azione – fa sapere Monteduro – è tesa proprio a ridare alla categoriaquella dignità negata non da chi come noi difende la legalità, ma da un’opinione pubblica che, a torto o a ragione considera i costruttori degli speculatori». Poi l’esponente dei Repubblicani europei alza i toni: «La meschina accusa dell’imprenditrice sul fatto che ci sarebbe “chi, a suon di esposti vorrebbe affidare la pianificazione urbanistica alla Procura vedendo ovunque il malaffare”, potrebbe essere la soluzione contro la corruttela e il malaffare che serpeggia nella pubblica amministrazione, a quanto pare con buona pace della signora Sampieri». Vincenzo Moteduro ha concluso parlando del recente esposto presentato da Adriano Sinopoli circa le costruzioni realizzate in località Colline dell’Argento e che chiama in causa il deputato del Pd Pietro Tidei: «Vorremmo capire se giudica anche quel querelante uno di quelli “che vorrebbe affidare alla procura la gestione del Dipartimento Urbanistico” o se non piuttosto, uno da plaudire per aver toccato, sapientemente istruito, un nervo scoperto del “nemico” del Capo».

ULTIME NEWS