Pubblicato il

Navigazione Fs, si attende l’incontro con l’Azienda

SINDACATOCIVITAVECCHIA – Attenderanno la riunione del 5 novembre con i vertici delle Ferrovie, poi decideranno il da farsi. E’ questa la decisione a cui sono giunti lavoratori e sindacati al termine dell’assemblea di questa mattina a bordo della nave Garibaldi, ferma in banchina.
«Certo è – hanno spiegati i sindacalisti presenti – che non mostreremo uno spirito del tutto collaborativo nei confronti dell’azienda, se dovremo stare a sentire soltanto quelle che sono le modalità di ricollocazione del personale. Siamo infatti convinti delle potenzialità di questo servizio, delle possibilità di ampliamento e di crescita, dell’importanza non solo per il territorio locale ma per tutto il sistema. La comunità europea invita a togliere il trasporto su gomma dalle strade e qui cosa si fa? Si taglia il settore ferroviario, si fanno morire linee come queste. Non è certo una strategia vincente».
E la voglia di andare avanti e di proseguire la battaglia la confermano anche i lavoratori, che non sono rassegnati, ma anzi dimostrano la volontà di salvare il settore. In assemblea è emerso comunque il malessere generale, amplificato dalla vicende che hanno interessato la Regione Lazio e che, di fatto, hanno tagliato fuori dai giochi un interlocutore importante, facendo venire meno quelle prospettive a cui si erano aggrappati lavoratori ed organizzazioni sindacali.
«In questo caso – hanno aggiunto dal sindacato – non si lotta soltanto per il settore navigazione, ma per il comparto ferroviario nel suo complesso. Manovra, officina cargo, infrastrutture nel porto, biglietteria, stazione: i problemi sono molti e si va avanti con i tagli. Le Ferrovie stanno abbandonando questo territorio: è questa la triste realtà a cui stiamo andando incontro.

ULTIME NEWS