Pubblicato il

Nucleare, centinaia a Montalto di Castro per corteo di protesta

MONTALTO DI CASTRO – Si è tenuta questa mattina a Montalto di Castro la manifestazione promossa da Radicali Italiani insieme alle Associazioni Etruria Radicale, Radicali Maremma e il Comitato Antinucleare di Montalto di Castro, con il supporto dell’Amministrazione Comunale, in occasione del 25° anniversario del disastro nucleare di Chernobyl. Oltre duecento persone hanno sfilato in corteo per le vie cittadine contro la costruzione di nuove centrali nucleari e a difesa del diritto al referendum previsto dall’art 75 della Costituzione, scandendo lo slogan ‘No al nucleare, vogliamo votare’. In testa al corteo uno striscione con le parole d’ordine: ‘Referendum, dibattito, democrazia. Il segretario di Radicali Italiani Mario Staderini a margine della manifestazione ha dichiarato: “Con il referendum di venticinque anni fa abbiamo evitato che l’Italia si ritrovasse, qui a Montalto, con le stesse centrali di Fukushyma. Oggi che il nucleare non conviene economicamente e non risolve il fabbisogno energetico il referendum e’ un’occasione storica per imporre una nuova politica energetica basata sulla sicurezza, il risparmio, l’efficienza e le rinnovabili. Per questo come sempre e’ accaduto nella storia italiana vogliono disinnescare l’istituto referendario demotivando il voto con leggine azzeccagarbugli e impedendo grazie a Raiset che i cittadini siano informati. Se ci fosse un vero dibattito sul nucleare non si potrebbe evitare di parlare anche delle politiche energetiche italiane e delle oligarchie che le condizionano a loro esclusivo vantaggio. Allo stesso modo, parlare di acqua e di servizi pubblici locali significherebbe aprire il vaso di Pandora del consociativismo municipale e degli imprenditori d’area cui si vuole affidare la cogestione dei miliardi di investimenti pubblici nel settore idrico. E’ la conoscenza quello che serve davvero”.

ULTIME NEWS