Pubblicato il

Nucleare, Parroncini: “Nessuna centrale a Montalto di Castro”

MONTALTO DI CASTRO – “Il nucleare non passerà per la Regione Lazio e quindi nemmeno per Montalto di Castro, additata dal Governo come il sito più papabile per l’istallazione di una nuova centrale”. E’ quanto afferma l’Assessore regionale agli enti locali, alle reti territoriali energetiche, portuali, aeroportuali e ai rifiuti, Giuseppe Parroncini, che questa mattina in Giunta, di concerto con il Presidente Marrazzo, ha presentato una proposta di deliberazione che autorizza il Presidente a ricorrere presso la Consulta contro la cosiddetta legge sviluppo che consente al Governo di localizzare sul territorio nazionale siti per l’impianto di nuove centrali nucleari, scavalcando le Regioni. “Non siamo disposti a tornare indietro né tantomeno a rivedere decisioni già prese”, spiega l’Assessore, “nel piano energetico regionale di prossima approvazione, peraltro ampiamente sufficiente a provvedere al fabbisogno interno, non c’è mai stata la parola nucleare. La strada da seguire, e di questo solo il nostro Governo sembra non essersi accorto, è semmai quella delle fonti energetiche rinnovabili in linea con i dettami della cosiddetta green economy che si sta rivelando strategica per uscire dalla crisi economica che ha colpito l’occidente. L’energia che intendiamo portare a Montalto è quindi di questo colore, attraverso la realizzazione del più grande impianto fotovoltaico d’Europa. Oltretutto – aggiunge – gli effetti di una centrale nucleare sarebbero devastanti per quel territorio già gravato da pesanti servitù, a cominciare dalla centrale di Torrevaldaliga che, insieme a quella Montalto, ha una potenza istallata pari al 15% del fabbisogno energetico nazionale e dall’incremento del traffico portuale di Civitavecchia, divenuto ormai il più importante porto crocieristico del Mediterraneo. Imporre un impianto nucleare su quell’area – conclude Parroncini – è una follia ed un suicidio anche sotto il profilo ambientale e turistico”.

ULTIME NEWS