Pubblicato il

Olmetto Monteroni, adottato il Piano urbanistico

LADISPOLI – “L’adozione del Piano urbanistico di Ometto Monteroni è un traguardo importantissimo per la nostra città perché punta al risanamento ed al recupero di una zona abitata ma completamente priva di servizi”. Con queste parole il sindaco di Ladispoli Crescenzo Paliotta ha commentato l’approvazione da parte del Consiglio comunale di questa importantissimo strumento urbanistico. “Nelle prossime settimane – ha proseguito Paliotta – il Piano sarà pubblicato e, portato a conoscenza di tutti i proprietari delle aree che avranno trenta giorni di tempo per presentare le osservazioni. Queste osservazioni saranno, poi, esaminate dal Consiglio Comunale fino a quando questo strumento urbanistico diventerà esecutivo”. L’attuazione del Piano e, cioè, delle opere di urbanizzazione e delle nuove concessioni edilizie, avverrà attraverso un Consorzio che stipulerà una convenzione con il Comune. “Il voto del Consiglio Comunale – ha detto la presidente del Consiglio comunale, Maria Antonia Caredda – segna quindi un grande successo per la politica urbanistica dell’Amministrazione Comunale, dopo l’approvazione due mesi fa del Piano Regolatore Generale”. “Poco comprensibile, invece, il voto contrario – ha aggiunto Paliotta – delle minoranze al Piano di Olmetto Monteroni perché nelle fasi preparatorie si era arrivati ad una pressoché totale convergenza. Siamo comunque convinti che quando si esamineranno le osservazioni, il Consiglio Comunale riuscirà a trovare una linea unitaria che potrà facilitare il cammino del Piano di Olmetto Monteroni”. Nella stessa seduta il Consiglio Comunale, in questo caso con voto all’unanimità, ha approvato due Piani integrati di edilizia residenziale. “La loro realizzazione – ha concluso Paliotta – porterà al Comune in maniera del tutto gratuita più di trenta alloggi che saranno assegnati ai cittadini che sono nella graduatoria per l’edilizia economica e sociale. Anche questo è un grandissimo risultato perché da più di quindici anni a Ladispoli non venivano realizzati alloggi di edilizia sociale: solo nel 2010 si è avuto dalla Regione un finanziamento per sedici alloggi mentre per altri sei appartamenti l’ATER ha preannunciato l’appalto per la realizzazione nella zona a confine tra Cerreto e Via Aurelia”.

ULTIME NEWS