Pubblicato il

Palio, Di Pietrantonio replica a Battilocchio sulla questione relativa al vescovo

ALLUMIERE – La risposta del consigliere Di Pietrantonio al sindaco Battilocchio non si è fatta attendere: solo ieri il primo cittadino aveva espresso il suo rammarico per un’uscita del consigliere d’opposizione che aveva criticato la scelta di far iniziare il Palio con il saluto del Vescovo. Più veloce del vento il consigliereche  ha protocollato una missiva indirizzata proprio al sindaco. «Leggendo su La Provincia le osservazioni di Battilocchio riguardo il mio onore che non sarebbe salvaguardato dalle mie dichiarazioni riguardo l’apertura del Palio da parte di Monsignor Chenis (che seguo e apprezzo molto per la sua Pastorale, ma che meno mi coinvolge per le cose molto terrene). Confesso che durante la Sfilata storica del Palio ho pensato che l’atmosfera ci avesse talmente preso tanto che la massima autorità laica del paese avesse abdicato alla sua funzione e vivesse l’epoca del Papa-Re. Non penso sia giusto ‘‘buttarla sulla mancanza di rispetto’’ perchè solo qualche ipocrita credulone può pensare che il Vescovo non sia ospite gradito nel nostro paese e da tutti indistintamente i Consiglieri Comunali. Il problema è la laicità delle istituzioni che la carica di sindaco gli obbliga a esercitare e a far rispettare».
Rom. Mos.

ULTIME NEWS