Pubblicato il

Palme assediate dal punteruolo rosso

PALMEdi DEMETRIO LOGIUDICE

CIVITAVECCHIA – L’ altra faccia della commercializzazione internazionale. È noto che il punteruolo Rosso, coleottero proveniente dall’Asia sia giunto a noi attraverso i canali del commercio internazionale. Qualche anno fa, del piccolo coleottero rosso, si cominciò a parlare quando dalla Liguria cominciarono a spostarsi lungo la costa Tirrenica sciami di piccoli invasori golosi delle palme che facevano bella mostra di sé in litorali, giardini, ville gentilizie. Oggi, un altro allarme si alza dalle Giornate di Fitopatologia, seminari di studio che ogni due anni mettono a punto strategie contro i flagelli che colpiscono piante ed intere coltivazioni. Altri due nemici pare siano alle porte: la Diabrotica, insetto proveniente dall’America e capace di danneggiare le colture di mais, e la tuta absoluta, lepidottero di origine sudamericana che attacca pomodori, melanzane e patate. Secondo Agrofarma, l’associazione dei produttori di fitofarmaci, i due nuovi insetti si sarebbero catapultati nel Mediterraneo, e da qui potrebbero avvicinarsi alle colture nostrane. Quando l’allarme fu lanciato non ottenne riscontri tra amministratori e addetti ai lavori, questa volta la minaccia su coltivazioni intense e fortemente legate alla tradizione culinaria italiana come pomodori, melanzane e patate dovrebbe suscitare, in chi si occupa di tale problema, quanto meno una adeguata campagna di sensibilizzazione. E se lungo il Litorale qualche comune piange migliaia di palme simbolo di un glorioso passato fatto di fresco riparo e paesaggio da cartolina, oggi una piccola coccinella, la Diabrotica, ed un bruco la Tuta, avanzano minacciosi. Ed ancora una volta si deve registrare la scarsa lungimiranza delle Istituzioni, con pochi fondi pubblici per la ricerca ed enti comunali avversi a spendere per qualche pianta.

ULTIME NEWS