Pubblicato il

Parcheggia in divieto di sosta ed espone una vecchia multa: denunciato tarquiniese 

I carabinieri lo hanno sorpreso in piazza Trento e Trieste. Dovrà rispondere di truffa aggravata ai danni dello stato

I carabinieri lo hanno sorpreso in piazza Trento e Trieste. Dovrà rispondere di truffa aggravata ai danni dello stato

TARQUINIATARQUINIA – Parcheggiare abusivamente in divieto di sosta? Un gioco da ragazzi per alcuni furbetti di Tarquinia che ricorrono ai più impensabili stratagemmi pur di evitare la multa. Tra questi, un 35enne, sorpreso nei giorni scorsi dai carabinieri mentre parcheggiava a piazza Trento e Trieste. Il tarquiniese, dopo aver lasciato la macchina in un luogo di sosta vietata, ha lasciato esposto un tagliando di colore azzurro. I militari del luogotenente Stefano Girelli (nella foto) subito insospettiti si sono avvicinati ed hanno effettuato i necessari controlli. Curiosa la scoperta: il furbo tarquiniese aveva infatti esposto una vecchia multa per divieto di sosta, nella speranza di riuscire ad eludere i controlli delle forze di polizia. Il trentacinquenne rischia adesso un vero processo per truffa aggravata ai danni dello stato, avendo attivato un comportamento tale da procurare un ingiusto profitto. Non un caso isolato, quello a cui è ricorso il 35enne finito nella rete dei carabinieri. In molti episodi, infatti, si è verificato anche il caso di raggiri da parte di chi toglie la multe dalle altre auto e le trasferisce sulla propria, sempre per evitare una contravvenzione. I vigili, trovando già il tagliando esposto passano oltre, magari emettendo una seconda multa ai danni del proprietario della macchina al quale è stata rubata la precedente. Contro questi ed altri stratagemmi, i carabinieri però sono pronti ad alzare il livello di guardia. Ed è certo che i furbi non riusciranno più a farla franca. (Ale.Ro.)

ULTIME NEWS