Pubblicato il

Pdl sulla piscina: «Ci siamo astenuti perché le nostre proposte sono state ignorate»

di GAIA SALADINI
TARQUINIA – «Non abbiamo espresso voto contrario, ma ci siamo astenuti dal votare il piano economico finanziario dell’impianto natatorio».
È questa la risposta di Marcello Maneschi, Cristiano Minniti e Silvano Olmi, i tre consiglieri del Pdl che giovedì sono stati accusati dal sindaco Mauro Mazzola di essere contro la realizzazione della piscina comunale. I consiglieri hanno dichiarato: «Ci siamo astenuti perchè l’amministrazione comunale non ha preso in considerazione le nostre proposte migliorative al progetto, espresse con toni e finalità assolutamente costruttivi. Noi desideriamo una vera piscina comunale, dotata di servizi e confort per i cittadini ed idonea per lo svolgimento di tutti gli sport acquatici».
La piscina, costata circa due milioni e mezzo di euro, secondo i consiglieri, non sarebbe all’altezza delle aspettative: Secondo quanto detto, la vasca è troppo bassa per lo svolgimento di gare di pallanuoto o di tuffi e l’impianto fotovoltaico, benchè previsto dal progetto, non sarà per il momento realizzato.
«Inoltre – hanno dichiarato dal Pdl – non ci sarà un locale palestra e quindi il riscaldamento degli atleti prima della gara dovrà avvenire a bordo piscina, dove non è prevista la realizzazione di gradinate. Queste ultime, saranno realizzate con «elementi mobili» e montate all’occorrenza all’esterno dell’edificio».
I consiglieri hanno concluso: «Noi e i cittadini sognavamo un impianto degno della nostra città, in grado di organizzare gare di livello nazionale ed internazionale e invece ci dovremo accontentare».

ULTIME NEWS