Pubblicato il

Perello: "Basta con il turismo mordi e fuggi"

CIVITAVECCHIA – Anche il consigliere comunale Daniele Perello è intervenuto sui problemi portuali, sostenendo quanto denunciato dalla Filt Cgil su agenzie marittime e crociere. “Una situazione più volte sottolineata – ha spiegato – che rischia di degenerare il prossimo anno, che non trova responsabilità nelle agenzie marittime ma che l’Autorità portuale avrebbe potuto e dovuto prevedere”. La previsione di Perello per il 2010 è quella di aziende che, superata la crisi, saranno in ripresa, “con lavoratori – ha aggiunto – che inizieranno di nuovo a lavorare e anche a fare straordinari. Ma ci saranno anche imprese che chiuderanno o che aumenteranno i loro cassaintegrati evidenziando ancora di più la differenza tra le classi sociali”. Secondo il consigliere comunale si deve lavorare su due fronti diversi: da un lato attirando armatori e alternative croceristiche su questo territorio, “che necessita – ha spiegato – di un traffico conteiner molto più ampio di quello che c’è oggi e rendendolo competitivo, invitando i nostri dirigenti e rappresentanti governativi e dell’autorità portuale ad impegnarsi per velocizzare soprattutto la realizzazione delle infrastrutture necessarie. Dall’altro lato, invece, è opportuno che almeno il settore delle crociere venga vissuto non più come un turismo “mordi e fuggi”, ma come un’occasione in grado di lasciare un segno in città tangibile per tutti. Segno possibile grazie, ad esempio, ad una sorta di “tassa di soggiorno”, che può essere introdotta anche attraverso accordi a monte con le aziende croceristiche, o con l’impiego sul territorio portuale di cooperative locali, tutelando le aziende e i lavoratori del territorio, compresi taxi e Ncc. Questo è quello che una buona politica dovrebbe fare”.

ULTIME NEWS