Pubblicato il

Pino Quartullo nell'aldilà tra gli applausi

CIVITAVECCHIA – di LUCA GUERINI

Gradevolissimo spettacolo lo scorso week-end al Teatro Traiano con Pino Quartullo alle prese con l’Ultima Chiamata di Josiane Balasko. Accompagnato sul palco da una divertentissima Paola Tiziana Cruciani il regista locale ha fatto da padre putativo ai due civitavecchiesi Jacopo Ferraccioli e Giuseppe Zanfrisco al loro debutto ufficiale. Il cast e il testo sagace sono le leve che hanno portato Quartullo al successo con uno spettacolo avvincente che strizza l’occhio ai grandi classici di genere da Charles Dickens a “What woman want”. Il quantantaduenne Alex Martini in una stanza di albergo si sveglia con accanto una prostituta ed un indiano d’america. Dopo il drammatico risveglio prenderà pian piano coscienza della sua prossima morte. Dapprima preoccupato per le cose materiale come l’uscita del nuovo disco inizia il proprio cammino di redenzione: si accorge dei suoi comportamenti sbagliati e di aver chiuso la ULTIMAporta alla donna della sua vita. Bravo dunque Pino Quartullo a disegnare un’armonia di personaggi caratterizzati diversamente dai vari interpreti e bravi i due attori locali che hanno superato con successo la prova. Ottima intrerpretazione anche per Paola Tiziana Cruciani che alterna toni diversi e cambi d’animo repentini che hanno creato l’ilarità del pubblico civitavecchiese. Applausi nel finale a tutto il cast che ha ringraziato la numerosa platea del Traiano per la calorosa accoglienza.

ULTIME NEWS