Pubblicato il

Poste-Comune, firmato il protocollo di intesa

di SONIA BERTINO

CIVITAVECCHIA – Firmato questa mattina al Pincio un protocollo d’intesa tra il Comune di Civitavecchia e Poste italiane per l’attivazione del progetto “Poste per Civitavecchia”: «Una scelta rivoluzionaria nei rapporti tra Comune e Poste italiane – ha commentato il sindaco Gianni Moscherini – Questo protocollo prevede la messa in opera di un gruppo di lavoro tra Come e Poste per ristrutturare i servizi tradizionali delle poste, sia per ampliarli quantitativamente e qualitativamente in un esperimento che non è ancora generalizzato a livello nazionale».
Primo obiettivo del gruppo di lavoro sarà l’individuazione di nuove aree all’interno del territorio cittadino per permettere al cittadino di usufruire al meglio dei servizi elargiti.
Tra le novità proposte dal protocollo d’intesa il servizio di fatturazione elettronica, servizi di dimora abituale (rinnovo dei permessi di soggiorno), piattaforma di pagamento per la riscossione di tributi, servizi di gestione elettronica documentale e comunicazione certificata con l’obiettivo della progressiva dematerializzazione dei documenti cartacei che saranno sostituiti con documenti elettronici dal valore legale e la social card: «Il Comune e i Servizi sociali – ha spiegato il primo cittadino – versa contributi di vario genere alle famiglie indigenti, a chi ha problemi abitativi, contributi per gli affitti, ai disabili, ai bambini. La social card non fa altro che permettere al cittadino di avere in banca la quantità di denaro elargita dal Comune e a quest’ultimo consente di controllare che questi contributi vengano spesi per lo stesso motivo per cui vengono elargiti».
Tra le novità anche l’introduzione di servizi per l’applicazione del codice della strada che comprende anche l’introduzione sulle strade cittadine del sorpassometro di cui Poste italiane ha acquistato il brevetto: «Si tratta di uno strumento atto ad individuare quanti compiono manovre pericolose: una tecnologia messa a disposizione dell’Amministrazione con scopo sia sanzionatorio che preventivo».
«Con la firma del protocollo d’intesa – ha dichiarato Moscherini – Poste italiane a partire dal primo settembre potrà rilasciare anche certificati anagrafici. Inoltre viene subito attivato un gruppo di lavoro che, una volta stabiliti i luoghi ove localizzare i nuovi uffici postali, si procederà con la ristrutturazione dei locali avendo come obiettivo la partenza delle nuove strutture il primo gennaio 2012».
Soddisfatto anche il responsabile Vendite Centro Sud della Divisione Grandi Imprese e Pubblica Amministrazione di Poste Italiane, Roberto Feroci: «Il progetto Poste per Civitavecchia ci vede pater di una nuova importante iniziativa che conferma la forte vocazione sociale di Poste italiane e lo sforzo del Gruppo nel settore dell’innovazione. Grazie alla capillare presenza sul territorio e ai sistemi di comunicazione digitale integrata – ha concluso Feroci – possiamo supportare la Pubblica Amministrazione nel dialogo con i cittadini e le imprese, rendendo più veloce ed efficace l’azione degli enti pubblici».

ULTIME NEWS