Pubblicato il

Promozione del territorio: al via la fase operativa

CIVITAVECCHIA – Un turismo 365 giorni all’anno, 24 ore su 24, e comuni alla portata di tutti. Riparte da qui la voglia di promuovere il territorio e di creare un’alternativa concreta per intercettare quel crescente traffico di croceristi che fanno scalo nel porto, puntando soprattutto su chi ha già visitato la Capitale e vuole scoprire altre ricchezze facilmente raggiungibili dallo scalo locale. In quest’ottica si è svolto questa mattina, fortemente voluto dall’Autorità Portuale il workshop che ha visto per la prima volta insieme, riuniti attorno allo stesso tavolo, i principali tour operator che lavorano con le compagnie crocieristiche a Civitavecchia, i comuni della zona e gli altri soggetti istituzionali interessati allo sviluppo turistico dell’area. Erano presenti infatti rappresentanti dei comuni del comprensorio, l’Apt,  Bic Lazio, Ebtl (Ente Bilaterale Turismo Lazio), le Camere di Commercio di Roma e Viterbo, l’Ascom Confcommercio, la Pro Loco ed il Consorzio Lago di Bracciano. Dopo una prima discussione sui problemi e le carenze attuali si è passati alla vera fase operativa, con un faccia a faccia con i tour operator per allacciare contatti e sottopporre progetti relativi a itinerari e ad altre iniziative turistiche. Intertrav, Medov, Dock and Discover, Aloschi, Cambiasso e Risso: tutti hanno sottolineato la necessità di proporre cose nuove e, per questo, di valorizzare le ricchezze di un territorio così vasto sotto tutti i punti di vista. «E’ ovvio – hanno spiegato – che non è semplice proporre itinerari diversi da Roma, ma con l’impegno di comuni e associazioni i risultati si vedranno, magari tra qualche anno». E allo stesso tempo, però, hanno sottolineato le criticità dovute a negozi chiusi la domenica e negli orari di pranzo o a musei con didascalie scritte solo in italiano. «Occorre cambiare – ha aggiunto il presidente Fabio Ciani – e la presenza dei tour operator, che conoscono la sensibilità del crocerista, è fondamentale. Occorre vendere nuovi pacchetti già a bordo, garantire un’offerta di qualità. E’ un discorso che va perfezionato, ma siamo sulla buona strada».

ULTIME NEWS