Pubblicato il

"Chiedo scusa per essere arrivato solo primo"

CIVITAVECCHIA – Non si è fatta attendere la replica dell’ex assessore alle Finanze della giunta De Sio Salvatore Andrea Renda a chi, Rifondazione e Comunisti Italiani, lo avevano invitato a chiedere scusa alla città per i danni lasciati in eredità. “Mi corre l’obbligo – ha spiegato – di chiedere scusa alla città perché il gruppo di lavoro, che ho rappresentato negli anni passati, ha ridotto (quasi dimezzato) il costo del debito del Comune, rinegoziando praticamente tutti i mutui contratti negli anni precedenti; perché ha triplicato le risorse a disposizione dell’Ente e dei civitavecchiesi ed ha ridotto praticamente tutte le imposte comunali (Tosap, Ici, canoni, ecc.); perché ha dato stabilità finanziaria all’Ente, rispettando sistematicamente il Patto di Stabilità interno negli anni 2002, 2003 e 2004; perché si sono finanziate una serie di opere pubbliche (trincea, stadio del nuoto, zona, industriale, pincio, mediana, marina, ecc.) e di acquisizioni patrimoniali (Fiumaretta, ecc); perché l’incremento del patrimonio del Comune è stato circa triplo rispetto al nuovo debito, e di fatto il Comune, che abbiamo lasciato nel 2005, era nettamente più “ricco” di quanto fosse nel 2001, all’inizio del nostro mandato”. E continua, Renda, chiedendo scusa “per aver potenziato l’ufficio delle entrate permettendo al Comune – ha aggiunto – di avere più fondi per i cittadini, di aver trasferito a Civitavecchia gli uffici del Catasto, di aver razionalizzato la spesa e di aver fatto tutto nel quadro di un equilibrio complessivo che ha portato Civitavecchia (Comune più piccolo al mondo !!!) ad avere una valutazione di eccellenza (A1) dall’Agenzia di rating più importante del mondo. Chiedo scusa perché nel primo biennio di attività di Etm, l’azienda è risultata “solamente” la prima della Regione Lazio (anno 2006) in termini di crescita percentuale (fonte Astra), il fatturato è cresciuto del 36%, il patrimonio del 41% e si sono assunte 68 unità, il tutto con un bilancio in perfetto equilibrio (almeno fino alla prima metà del 2007). Chiedo scusa perché non sono riuscito, l’anno successivo, a migliorarmi e piazzarmi più su del primo posto. Chiedo scusa a tutti quelli che hanno, negli anni beneficiato del nostro lavoro, compresi (ma in questo caso lo chiedo davvero) quelli che piuttosto avrei dovuto mandare a lavorare veramente, così almeno avrebbero imparato qualcosa. Ma questa è un’altra storia di cui ho veramente colpa”.

ULTIME NEWS