Pubblicato il

"Frasca, si velocizzi l'iter per il monumento naturale"

CIVITAVECCHIA – “Siamo fermamente convinti che la costa e la pineta della Frasca siano patrimonio comune dei cittadini di Civitavecchia e che la proprietà dell’area debba quindi, in prospettiva, essere trasferita al comune di Civitavecchia”. Lo dichiarano le associazioni cittadine Italia Nostra onlus e Forum Ambientalista, invitando quanti sono intervenuti nel merito in questi giorni, a fare pressione sulla Regione “affinch -spiegano – nelle more dell’istituzione del Monumento Naturale velocizzi l’approvazione del progetto di riqualificazione ambientale dell’area presentato, ormai da mesi, dall’Autorità Portuale in ottemperanza alle prescrizioni del Piano Regolatore Portuale. Sebbene la Frasca sia già oggi area sottoposta a diversi vincoli paesistici ed archeologici ed inserita “nell’elenco delle aree protette“ del Piano Territoriale Provinciale Generale, le più volte ribadite mire cementificatrici del sindaco Moscherini, che in quell’area vorrebbe realizzare un megaporticciolo al servizio dell’ennesimo grande privato, l’inutile quanto pericoloso Terminal Cina, e tutta una serie costruzioni per attività collaterali, rendono necessario, al fine di garantire una reale tutela dell’area, che il trasferimento delle aree avvenga solo dopo la conclusione, da parte della Regione, del ormai in dirittura d’arrivo iter amministrativo di istituzione del Monumento naturale. Farlo prima sarebbe come dare un’automobile senza assicurazione ad un guidatore senza patente e pure con il pallino della velocità”.

ULTIME NEWS