Pubblicato il

"I decreti sulla sanità ignorano le nostre esigenze"

CIVITAVECCHIA – Sui vari decreti commissariali riguardanti la sanità e in particolare il settore dell’emergenza, non attuati e rimandati al 28 febbraio, interviene il segretario dell’Udc Marco Di Gennaro: «Questo fatto è l’ulteriore conferma del dilettantismo con cui sono stati predisposti i vari decreti – dichiara in una nota – e testimonia non solo una mancata condivisione con gli enti locali e con le aziende sanitarie, ma anche una completa ignoranza della situazione operativa del sistema dell’emergenza sanitaria nella nostra regione. Pretendere di scaricare sul 118, in cronica carenza di uomini e mezzi – prosegue il segretario dell’Udc – l’impossibile onere di porre rimedio alla chiusura di ospedali, quali quello di Bracciano, è segno di irresponsabile superficialità». Marco Di Gennaro definisce irresponsabile bloccare in maniera indiscriminata il turnover di medici ed infermieri anche nel settore dell’emergenza, inclusi i pronto soccorsi, le rianimazioni e le unità coronariche, non assumendosi neanche la responsabilità di dare una qualsivoglia risposta alla richiesta di deroghe al blocco delle assunzioni fatte dalla Asl Roma F. Alza la voce anche sull’assegnazione dei posti letto e sul taglio dei fondi per la formazione e per le prestazioni aggiuntive «salvo poi darli a chi si vuole». «E per fortuna – prosegue Di Gennaro – che il commissario alla sanità Renata Polverini declama ‘‘Mi state a cuore’’ come recitano giganteschi cartelloni pubblicitari. Non osiamo nemmeno pensare cosa sarebbe successo – conclude – se gli fossimo stati sullo stomaco».

ULTIME NEWS