Pubblicato il

"I dipendenti del castello ancora senza stipendio"

A lanciare l’allarme, sono i consiglieri comunali d'opposizione Rocchi, Massera, Mucciola, Benci, Bianchi, Trebiani e Fronti

A lanciare l’allarme, sono i consiglieri comunali d'opposizione Rocchi, Massera, Mucciola, Benci, Bianchi, Trebiani e Fronti

SANTA MARINELLA – Ancora problemi per i dipendenti di Archeodromo. I lavoratori della società che gestisce i servizi all’interno del castello di Santa Severa, non prenderebbero da due mesi lo stipendio. A lanciare l’allarme, sono i consiglieri comunali d’opposizione Rocchi, Massera, Mucciola, Benci, Bianchi, Trebiani e Fronti, mentre i lavoratori preferiscono mantenere il silenzio sulla vicenda. Pare quindi che nonostante l’intervento in Regione del sindaco Bacheca e del consigliere regionale Lollobrigida, che nello scorso maggio avevano ottenuto il finanziamento regionale per Archeodromo, sempre per far fronte ad un‘emergenza stipendi, il problema non sia stato ancora risolto. Non è la prima volta che gli operatori del castello si trovano in questa situazione. “I consiglieri di minoranza – hanno affermato gli esponenti dell’opposizione – esprimono solidarietà ai lavoratori del castello di Santa Severa, dipendenti di Archeodromo, che a quanto sappiamo non ricevono stipendi da due mesi. Chiediamo al sindaco un impegno per risolvere la situazione, a partire dalla necessità di fare chiarezza sui ritardi, per esempio verificare se riguardano tutti i dipendenti indistintamente o lasciano fuori qualche privilegiato“. “Soprattutto – hanno aggiunto i consiglieri comunali – gli chiediamo di adoperarsi perché la situazione sia risolta al più presto. Per quanto ci riguarda, ci rendiamo disponibili a qualsiasi iniziativa che possa contribuire a tale risoluzione“. Sempre sul versante del castello di Santa Severa giungono, invece, buone notizie . Era stato convocato ieri dalla Regione Lazio il tavolo tecnico per definire l’acquisizione del castello, a cui è stato invitato a partecipare anche il Comune di Santa Marinella. “Si è trattato – ha spiegato il consigliere regionale Donato Robilotta – della prima riunione che dà l’avvio all’iter necessario affinché il castello e la colonia di S. Severa siano ceduti al Comune di Santa Marinella“. “Sono particolarmente soddisfatto – ha proseguito Robilotta – essendo stato il promotore della mozione, approvata all’unanimità, con cui il consiglio regionale si era espresso in tal senso. Presto i cittadini rientreranno in possesso di un bene di enorme prestigio”.

ULTIME NEWS