Pubblicato il

"Il ponte di viale Lazio è molto pericoloso"

L'opposizione all'attacco del sindaco Bacheca: "A 24 ore dall'inaugurazione era già transennato e aveva causato danni alle auto"

L'opposizione all'attacco del sindaco Bacheca: "A 24 ore dall'inaugurazione era già transennato e aveva causato danni alle auto"

SANTA MARINELLA – Si è verificato quasi subito dopo la sua apertura il primo sinistro stradale sul ponte di via Lazio, senza contare le svariate segnalazioni di automobilisti che hanno riscontrato la presenza di un rischio, nell’attraversamento del ponte, causato da un manto stradale dissestato. Ed è proprio su questo tema che i consiglieri di minoranza attaccano nuovamente la giunta guidata da Bacheca. “Facciamo – affermano – i più sinceri complimenti all’amministrazione per la bella figura del ponte di via Lazio, a meno di 24 ore dalla inaugurazione aveva già procurato danno ad un’automobile, era già transennato e pieno di buche. Un vero record da Guinnes dei primati”. “A parte la fin troppo facile ironia – proseguono dall’opposizione – riteniamo che questo sia un segnale chiaro del modo di operare tipico di questa amminiostrazione: faciloneria e pressapochismo. Naturalmente abbiamo intenzione di approfondire la cosa e verificare il progetto esecutivo, cioè la fase finale di un’idea nata dalla precedente amministrazione, perchè troppe cose risultano sbagliate, come segnalato dagli stessi cittadini“. Infatti, i consiglieri comunali sostengono che in città il ponte sarebbe stato già soprannominato il “ponte sulla strettoia”, visto che la strada resta e ritorna ad essere stretta prima e dopo il ponte. “Sempre riguardo a Valdambrini – fanno sapere dalle minoranze – annunciamo inoltre che prosegue la raccolta di firme rivolta a residenti e non residenti di Valdambrini, con un banchetto davanti al costruendo centro commerciale per oggi dalle 10 alle 12.30. La petizione è stata scritta a nome dei cittadini e chiede cose sollecitate dagli abitanti stessi: una strada fatta senza patti con i costruttori, la risoluzione dei problemi di viabilità prima del trasferimento di ASL e uffici comunali, controlli sui lavori a scuola e nella tombazione del fosso, più presenza della polizia municiaple. Ci sembrano richieste davvero ragionevoli e non possiamo credere a quello che ci hanno riferito i residenti di Valdambrini: due assessori starebbero facendo campagna contraria per “non far
firmare”. “Si vede – concludono – che vogliono fare gli accordi con i costruttori, lasciare così come sono i problemi di traffico pagando per forza l’affitto al centro commerciale, nonché minore presenza dei vigili. Del resto, perchè stupirsi. Sono gli stessi amministratori di un pote sfasciato dopo neppure 24 ore“.

ULTIME NEWS