Pubblicato il

"Iside", al via la seconda parte del progetto

CIVITAVECCHIA – L’Autorità Portuale di Civitavecchia protagonista del consolidamento e dello sviluppo dei rapporti commerciali tra Italia ed Egitto. In questi giorni, a Il Cairo, sono in agenda due momenti rilevanti, uno incentrato sull’integrazione sullo studio del sistema di import ed export e uno di estrema importanza strategica per la concretizzazione di nuovi scenari per i traffici commerciali tra il porto di Civitavecchia e quello di Alessandria. Nello specifico, l’Autorità Portuale di Civitavecchia e il Centro Agroalimentare Romano hanno avviato la seconda fase del progetto “Iside” (“Iniziative a supporto dell’internazionalizzazione delle eccellenze”) che prevede appunto una serie di incontri operativi nella capitale egiziana. L’obiettivo dell’accordo è quello di fare del Network portuale laziali l’accesso dal mare per tutto il mercato romano e del centro Italia dell’import agroalimentare, aprendo nuovi collegamenti con l’Egitto e, in export, con l’Est europeo. In Egitto il Segretario Generale dell’Authority Giuseppe Guacci, interviene alla presentazione del Partenariato Industriale e Tecnologico Italia–Egitto “Risposta euro-mediterranea alle sfide globali”. In 64 ore di navigazione da Alessandria è possibile raggiungere, via Catania, il porto di Civitavecchia, da cui – in appena un’ora su gomma – i prodotti possono raggiungere il Car per rifornire tutto il mercato romano e del centro Italia e per essere inoltrati nella stessa giornata verso i mercati del nord Italia ed europei. «Il vantaggio competitivo dell’accordo con il Car – ha spiegato Guacci – deriva, grazie alla posizione strategica del porto di Civitavecchia, dalla possibilità di servire più mercati, a partire da quello romano, rispetto a quanto sarebbe possibile utilizzando la direttrice Egitto-Adriatico».

ULTIME NEWS