Pubblicato il

"Necessaria l'attivazione dell'emodinamica"

Il delegato Anpo Marco Di Gennaro torna a ribadire l'esigenza della struttura sul territorio, alla luce dei decreti Polverni. E Tidei interroga il ministro Maroni

Il delegato Anpo Marco Di Gennaro torna a ribadire l'esigenza della struttura sul territorio, alla luce dei decreti Polverni. E Tidei interroga il ministro Maroni

CIVITAVECCHIA – «E’ indispensabile dal punto di vista assistenziale, compatibile dal punto di vista funzionale ed economicamente vantaggiosa l’attivazione di una Emodinamica nell’ospedale san Paolo». Lo conferma in rappresentante Anpo Marco Di Gennaro, sottolineando l’esigenza di intervenire tempestivamente per problemi al cuore, prima che i danni siano irreversibili. «Prima è e meglio è, insomma – ha spiegato – ma questo non sembra essere valido per i cittadini di Civitavecchia e del comprensorio. Il decreto Polverini sull’assistenza cardiologica, mentre da una parte riconosce l’eccessivo accentramento delle strutture di emodinamica nella città di Roma pur affermando che tale realtà è difficilmente modificabile, dall’altra dichiara indispensabile “potenziare le strutture dei capoluoghi di provincia dotandoli di cardiologia interventistica H24”. Ancora una volta, quindi, pur lontani da Roma più di quanto lo sia Viterbo e con un sistema 118 con note difficoltà operative, siamo penalizzati per il solo fatto di non essere provincia e non si tiene conto della particolare situazione orogeografica del territorio che rende impossibile garantire una adeguata tempistica degli interventi». Secondo Di Gennaro, inoltre, attivare l’emodinamica al San Paolo significa dare una risposta all’utenza che, da Grosseto a Roma, non trova questo servizio. «Non bisogna dimenticare – ha aggiunto – che al San Paolo sono stati effettuati lavori di ristrutturazione della Cardiologia che hanno incluso la predisposizione di una sala di emodinamica in un progetto di sviluppo delle attività al servizio del territorio». Sulla sanità, per bacchettare il presidente Polverini, è intervenuto anche il parlamentare del Pd Pietro Tidei che ha interrogato il ministro Maroni giudicando grave il comportamento del presidente nei confronti dei Sindaci, che non sono stati ricevuti, ma anzi allontanati e fatti identificare dalla Polizia. «Un episodio – ha spiegato – che mortifica il ruolo dei Sindaci, allontana i cittadini dall’esercizio della democrazia, con Polverini che non ha neppure incontrato i dirigenti delle Asl colpite dal provvedimento. Mi chiedo se il Ministr non ritenga di dover richiamare il Commissario di Governo al rispetto dei Sindaci nel pieno esercizio delle loro funzioni».

ULTIME NEWS