Pubblicato il

"Sosteniamo la battaglia del personale dell’ospedale di Bracciano"

LADISPOLI – “L’amministrazione comunale di Ladispoli è vicina al personale medico e paramedico dell’ospedale Padre Pio di Bracciano che ha avuto il coraggio di denunciare le gravi carenze della struttura sanitaria e la situazione di disagio in cui sono costretti ad operare. Un allarme che intendiamo amplificare per fugare il rischio che l’ospedale non abbia più i requisiti minimi essenziali previsti dal Piano Sanitario Regionale e dall’Atto Aziendale”. A parlare il sindaco Crescenzo Paliotta che ha raccolto l’allarme emerso nel corso di una assemblea sindacale organizzata da Aaroi, Cgil Uil, Cimo e Cisl in cui sono state denunciate una lunga serie di inefficienze e disservizi del nosocomio del lago. “L’amministrazione comunale – ha proseguito Paliotta – è consapevole di quanto l’ospedale di Bracciano sia importante per l’assistenza sanitaria nella nostra città e su tutto il litorale. La denuncia dei sindacati che parlano di assenza di una qualsiasi politica aziendale volta al rilancio di un ospedale che ha una posizione strategica in un territorio in piena crescita demografica è un segnale che non possiamo non considerare. Se ci aggiungiamo la perdurante chiusura del reparto di Ostetricia e Ginecologia, la carenza dei pediatri dovuta al trasferimento di due unità a Civitavecchia, il ridimensionamento del reparto di Ortopedia, la mancanza del supporto dello specialista cardiologo nelle 24 ore, ecco delinearsi uno scenario inquietante. Sarà nostro impegno portare all’attenzione della Regione Lazio, che sappiamo essere alle prese con evidenti difficoltà economiche, la necessità di urgenti e mirati interventi che evitino che l’ospedale Padre Pio perda i requisiti minimi essenziali previsti dal Piano Sanitario Regionale e dall’Atto Aziendale, avviandosi conseguentemente verso un irreversibile declino. Siamo pronti a partecipare all’incontro proposto dai sindacati con la Rete Civica delle Associazioni Socio Sanitarie del territorio volto a sensibilizzare la pubblica opinione sul ruolo essenziale dell’ospedale Padre Pio mettendo in atto le iniziative necessarie. Se necessario, tutto il Consiglio comunale di Ladispoli scenderà in piazza per manifestare contro l’abbandono dell’ospedale di Bracciano. Come uno dei rappresentanti dei sindaci del Comitato dell’Asl Rm F sono sicuro che avremo il sostegno delle altre amministrazioni in questa battaglia, ad iniziare dal comune di Cerveteri. il sindaco Gino Ciogli ha garantito l’impegno di tutto il Consiglio comunale cerite. Saremo una voce unica per ribadire che l’ospedale di Bracciano deve essere potenziato e non ridimensionato”.

ULTIME NEWS