Pubblicato il

"Università Agraria e Sport connubio vincente"

TARQUINIA – L’Università Agraria di Tarquinia continua ad essere protagonista delle attività presenti sul suo territorio e punta l’accento sul suo rapporto con il mondo dello Sport e con le associazioni ad esso legato. A stilare il bilancio, il Consigliere Delegato Attilio Maria Boni: “Era uno degli obbiettivi di questa amministrazione, guardare al mondo dello sport con attenzione, scegliendo eventi ed appuntamenti di grande qualità che avessero il sostegno dell’Ente o addirittura la coinvolgessero a livello organizzativo, eliminando la contribuzione generalizzata e a pioggia. I risultati mi sembrano evidenti, in questi anni la vicinanza al mondo dello sport e con esso alle associazioni che lo rappresentano è stata costante e attenta, segnando anche una visione selettiva di quelle realtà che guardano a manifestazioni di grande prestigio per la città o comunque legati ai più giovani. Straordinari i risultati conseguiti in numeri ed apprezzamento anche per le manifestazioni che si sono svolte presso il centro Aziendale della Roccaccia utilizzando quel meraviglioso scenario rappresentato dai boschi gestiti dall’Ente. Corse campestri, gare di Mountain Bike, gare equestri, hanno trovato nuovo impulso e sostegno acquistando continuità nel tempo. Gli eventi patrocinati e sostenuti dall’Università Agraria sono davvero molteplici, elencarli tutti sarebbe quasi impossibile – continua Attilio Maria Boni – abbiamo anche aperto a discipline nuove e in crescita come gli scacchi che hanno nella sede istituzionale in via Garibaldi il loro campo gara per i tornei più importanti”.

La logica – commenta il Presidente Alessandro Antonelli – è sostenere il mondo dello Sport passando per i soggetti associativi che quotidianamente si legano al territorio e sostenere il turismo sportivo legato ai grandi eventi , che si svolgono a Tarquinia , di cui esempio straordinario è l’ultima edizione della Etruria Triathlon cup.

Credo che questo atteggiamento innovativo e compartecipante – conclude Attilio Maria Boni – sia uno dei punti qualificanti del lavoro svolto dalla Nostra Amministrazione, un modo diverso di mettere a disposizione l’utile patrimonio individuato nelle proprietà collettive che siamo chiamati a gestire.

ULTIME NEWS