Pubblicato il

"Voglio il meglio per Civitavecchia"

Il presidente dell’Authority ha chiarito le motivazioni del bando per la nomina del sostituto di Luciano Mocci che dovrà traghettare lo scalo nei prossimi quattro anni di rivoluzione  

Il presidente dell’Authority ha chiarito le motivazioni del bando per la nomina del sostituto di Luciano Mocci che dovrà traghettare lo scalo nei prossimi quattro anni di rivoluzione  

CIVITAVECCHIA – «Serve una persona di grande livello e spessore tecnico in grado di guidare il porto nei prossimi quattro anni di rivoluzione». Così il presidente dell’Autorità Portuale Fabio Ciani ha spiegato la decisione di procedere al bando per trovare il prossimo segretario generale. «La legge concede ampio margine di scelta al presidente – ha aggiunto – ma con questo bando voglio chiedere non solo al territorio, ma anche all’Italia e all’Europa di poter esprimere una personalità di grande livello per guidare, insieme al presidente, il percorso di rinnovamento dello scalo, considerata l’importanza delle opere che sono in cantiere». Ciani ha parlato di un uomo di porto, «che sappia di portualità – ha aggiunto – specialmente in questo periodo. Voglio il meglio per la città e per il territorio: questa è la motivazione del bando. Se ci sarà qualcuno in grado di vantare una ampia esperienza nel settore ed avere un curriculum di tutto rispetto ne beneficeremo tutti. Basta quindi con le polemiche sterili e di parte». E una figura come quella del segretario generale è tanto più importante e strategica se si mette in rapporto alle criticità dello scalo e alle possibilità di sviluppo in un momento di crisi come quella attuale. Il presidente Ciani ha sottolineato la difficoltà nel lanciare il settore dei container, che è quello più in crisi. «Ma cerchiamo di rimanere a galla – ha aggiunto – aggrappandoci a settori in crescita: le autostrade del mare e le crociere». Per queste ultime è importante il comitato costituito proprio dall’Authority per un’operazione di marketing del territorio. «Ma per FABIOaffrontare la crisi – ha spiegato – sono essenziali le opere che ci apprestiamo a portare avanti». Ciani ha ricordato quindi il porto turistico, la Darsena Traghetti e Servizi e la darsena grandi masse, per la quale si sta aprendo il cantiere. «Questi lavori – ha aggiunto – potrebbero essere davvero la cassa di compensazione per la perdita di posti di lavoro conseguente alla chiusura del cantiere Enel di Tvn».

ULTIME NEWS