Pubblicato il

Ricorso Smeraglia, la precisazione di Roscioni e Sbrozzi

CIVITAVECCHIA – “Ci ha lasciato davvero sorpresi l’uscita del Presidente Luigi D’Amico, il quale ha sostenuto che il pronunciamento del TAR che ha definitivamente sancito la legittimità dell’elezione di Pierpaolo Pallassini sarebbe in realtà una “vittoria per Smeraglia” il quale sarebbe stato addirittura riconosciuto come “primo dei non eletti nella lista di Forza Italia”. Francamente non sappiamo dove D’Amico abbia letto il “riconoscimento” in questione, in realtà totalmente inesistente e semplicemente contrario alla realtà. Del resto l’amico Luigi ha fatto anche (sicuramente involontariamente) parecchia confusione, laddove riferisce che a Smeraglia sarebbero stati tolti 10 voti ed a Pallassini attribuiti 3 voti in più, mentre è stato esattamente il contrario. Comunque, al di là di tali considerazioni, sta di fatto che ben due organi giudiziari, prima il Tribunale Ordinario e poi il Tar, hanno rigettato i ricorsi di Smeraglia, dando ragione alle difese di Pallassini. Per cui, volenti o nolenti, è assodato che Pierpaolo è e rimane Consigliere Comunale di FI-PDL fino alla fine del mandato, non risultando proprio comprensibile quali colpe nella vicenda in esame possano addebitarsi allo stesso Pallassini, né perché mai lo stesso avrebbe dovuto addirittura dimettersi. Così come è semplicemente ridicolo, oltre che offensivo per l’autonomia di pensiero di Pierpaolo, tirare in ballo presunti equilibri o fantomatiche pressioni per non fargli presentare le dimissioni. Ed infine è altrettanto inspiegabile capire quale “posizione” avrebbero dovuto prendere i consiglieri o gli assessori, se si trattava di questione non certo politica ma puramente legale, rimessa alla magistratura, la cui decisione ovviamente avremmo accettato qualunque fosse stata ! Siamo felici che Pierpaolo continui a svolgere la propria attività di Consigliere Comunale con noi, con ottimo profitto, serietà, lealtà e qualità, così come ha fatto sino ad oggi, anche ricevendo recentemente critiche ingenerose e strumentali, come spesso accade a chi si spende con passione per la politica. Per Smeraglia, se lo vorrà, le porte del PDL sono apertissime alla sua collaborazione, così come lo sono sempre state”.

ULTIME NEWS