Pubblicato il

Rimane grave Massimo Martinelli, il cacciatore ferito al Sasso

CACCIATORICIVITAVECCHIA – Non migliorano le condizioni di salute di Massimo Martinelli, il cinquantottenne civitavecchiese che domenica mattina è rimasto ferito nel corso di una battuta di caccia al Sasso nei pressi di Cerveteri. Il pallettone partito dal fucile di G.S., trentuno anni, ha raggiunto l’uomo all’addome, procurandogli un’emorragia difficile da arginare per i sanitari dell’ospedale Gemelli di Roma, dove il ferito è stato immediatamente trasportato. Quasi otto ore di sala operatoria sono servite a ricostruire i tessuti intestinali della vittima, ancora in prognosi riservata, mentre sul fronte giudiziario la situazione per il momento apparirebbe chiara. In assenza della testimonianza del malcapitato, i carabinieri della stazione di Campo di Mare, agli ordini del maresciallo Emanuele Sestito, avrebbero ricostruito la dinamica dell’accaduto, arrivando anche grazie al racconto di un testimone, a stabilire che il colpo sarebbe stato sparato al di fuori del raggio di 45 gradi previsto dalle regole della caccia al cinghiale. Un particolare che avrebbe favorito il ferimento di Massimo Martinelli, in base al quale gli inquirenti avrebbero fornito gli elementi in grado di consentire l’iscrizione nel registro degli indagati del giovane civitavecchiese, con l’accusa di lesioni colpose.

ULTIME NEWS