Pubblicato il

Rimosso l’autovelox situato sull’Aurelia

S. Marinella. Lo ha deciso il primo cittadino Roberto Bacheca a seguito delle numerose sentenze dei giudici di pace a favore degli automobilisti Canta vittoria il comitato spontaneo che si era battutto contro l’installazione del dispositivo: «Finalmente, dopo che anche la magistratura di appello ha dato ragione ai cittadini, il sindaco si è deciso a fare quello che avevamo chiesto da anni»

S. Marinella. Lo ha deciso il primo cittadino Roberto Bacheca a seguito delle numerose sentenze dei giudici di pace a favore degli automobilisti Canta vittoria il comitato spontaneo che si era battutto contro l’installazione del dispositivo: «Finalmente, dopo che anche la magistratura di appello ha dato ragione ai cittadini, il sindaco si è deciso a fare quello che avevamo chiesto da anni»

S. MARINELLA – Buone notizie per gli automobilisti della Perla. E‘ stato infatti rimosso il ‘’famigerato‘’ autovelox posto sulla via Aurelia, all‘altezza del noto centro commerciale. Il sindaco ha preso questa decisione a seguito delle numerose sentenze dei giudici di pace, che hanno, nella maggior parte dei casi, accolto i ricorsi dei multati in quanto su una strada statale le contravvenzioni, a detta del codice della strada, si possono elevare solo con la procedura della cosìddetta ‘’contestazione immediata‘’. L’autovelox era stato introdotto dalla precedente amministrazione comunale e da subito aveva prodotto centinaia di contravvenzioni, con una scia di polemiche e di ricorsi in tribunale senza fine. Canta vittoria il comitato ‘’no autovelox‘’, che da sempre si è battuto per la rimozione del dispositivo. Il primo commento del comitato è che questa non è una vittoria solo dello stesso ma di tutta la gente di Santa Marinella. «Dopo la notifica – spiegano dal comitato – della prima serie di verbali, il comitato elaborò un ricorso fondato specificamente sulla ragione che nel centro abitato le infrazioni al codice della strada vanno contestate sempre. Le ragioni esposte nel ricorso furono subito sposate dalla magistratura civitavecchiese che cominciò ad annullare in maniera massiccia tutti i verbali contestati. La reazione dell’attuale amministrazione comunale, come di quella precedente, fu stizzita e le continue sentenze che arrivavano da Civitavecchia vennero ignorate». «Finalmente, dopo che anche la magistratura di appello ha dato ragione ai cittadini, il sindaco si è deciso a fare quello che avevamo chiesto da anni, togliere la macchinetta dal centro della città – dicono dal comitato – Falsamente l’amministrazione comunale aveva rappresentato il problema come legato alla sicurezza stradale, mentre molti milioni di euro venivano iscritti nel bilancio comunale ma pochissimi euro venivano reimpiegati nel miglioramento della circolazione delle auto. Accogliamo la vittoria con gioia, come primo passo verso lo stabilimento di rapporti più corretti tra l’amministrazione ed i cittadini e le loro istanze, soprattutto quando queste sono rappresentate dai comitati spontanei».
A.D.A.

ULTIME NEWS