Pubblicato il

Roberta Galletta e Simona Ricotti lanciano l'alarme: Sulla Frasca incombe il pericolo cementificazione 

CIVITAVECCHIA – L’area de “La Frasca”, che comprende il litorale situato a Nord di Civitavecchia, rappresenta un eccezionale concentrato di aree di pregio naturalistico, paesaggistico e archeologico e, per la sua estensione è stata inserita nel progetto Oloferne del WWF, che tra il 1995 ed 1996 ha censito i tratti di costa di sviluppo di almeno 3 km liberi da opere umane.
La pineta, ultimo vero polmone verde della città, attualmente di proprietà dell´Arsial, rappresenta, un´importante e documentata zona di rispetto di biodiversità, tanto da essere inserita, nel Piano Territoriale Paesistico (PTP), fra le aree boscate “Beni A5 – Boschi di tutela integrale” e sottoposta, relativamente all’entroterra e alla fascia costiera, a vincolo di inedificabilità ai sensi della L. 431/85; il tratto marino prospiciente alla Frasca è inserito, invece, nei Siti d’Interesse Comunitario (SIC IT6000005 – “Fondali tra Punta Sant’Agostino e Punta della Mattonaia). “Per questi ed altri mie motivi ci battiamo per la salvaguardia di questo polmone verde che tra l’altro dal punto di vista archeologico ha una notevolissima rilevanza, tanto che è qualificato nel PTP, come “zona archeologica a tutela orientata” e sulla quale la Sovrintendenza Archeologica all’Etruria Meridionale ha provveduto all’apposizione di ben due vincoli archeologici – sia per il settore a terra che per quello a mare – nel dicembre 2008 e nel aprile 2009 – spiegano in una nota Roberta Galletta (Presidente Italia Nostra Onlus Sezione Asfodelo Gruppo Civitavecchia) e Simona Ricotti (Responsabile Forum Ambientalista Civitavecchia) – la riqualificazione della Frasca, area da preservare “da interventi incoerenti con la valorizzazione delle risorse ambientali e la tutela dell’ecosistema” per la quale ”viene fatto obbligo, … di … opportuni interventi silvo colturali”, è opera prevista nelle prescrizioni dei decreti Via 6923/2002 e 2935/97 relativi al piano regolatore portuale. Soggetto competente alla presentazione, e successivamente all’attuazione, è l’Autorità Portuale che a tal fine ha presentato un progetto di reale riqualificazione ambientale teso, appunto, alla valorizzazione delle specie arboree ed arbustive e delle presenze archeologiche del sito e che ben risponde alle prescrizioni che stabiliscono che “dovrà essere evitata l’eccessiva infrastrutturazione“ anche “in riferimento alla localizzazione dei previsti interventi di supporto alla balneazione (aree di sosta, nuclei di servizio, piattaforme e pontili)” e che ben si coniuga con la richiesta di Istituzione del Monumento Naturale presentata dalle associazioni ambientaliste e sottoscritta da migliaia di civitavecchiesi”.Galletta e Ricotti poi hanno anche spiegato che “La provincia di Roma nell’ambito dell’approvazione del Piano Territoriale Provinciale Generale (PTPG) ha inserito la Frasca “nell’elenco delle aree protette“ in quanto “area, meritevole di tutela per la quale è in corso la procedura d’istituzione. La Frasca, che è stata votata dai civitavecchiesi quale “Luogo del cuore” nell’ambito della campagna del Fondo per l’Ambiente Italiano (FAI), è un bene comune della collettività civitavecchiese che va difeso dalle mire di chi vorrebbe trasformarlo in “altra cosa” facendo pressione affinché si realizzi, in tempi brevi, un reale progetto di valorizzazione”. Le due esponenti hanno poi lanciato l’allarme sul pericolo cementificazione: “Da circa un mese l’Amministrazione Comunale sta dando ampio risalto al progetto “Emergenza estiva Pineta la Frasca” affermando che questo “restyling” è finalizzato a riqualificare l’area ed a renderla maggiormente fruibile ai cittadini scrivono ancora la Galletta e la Ricotti – in realtà si ha la netta sensazione che il “restyling” nasconda come unico intento quello di allontanare i cittadini, che da anni volontariamente puliscono, tutelano e vivono la Frasca, con vincoli e divieti per far sì che al momento opportuno nessuno si opponga alle reali mire che incidono sull’area. In realtà per il Sindaco Moscherini riqualificare la Frasca significa cementificarla. Infatti il primo cittadino, ben supportato dall’Assessore al demanio Pierfederici e dalla sua maggioranza, persegue da anni lo sviluppo del Porto in direzione nord e vorrebbe realizzare nell’area della Frasca fior fiore di mega progetti quali il “Terminal Asia”, una maxidiscoteca e un mega porticciolo, con annessi ampi spazi cantieristici, al servizio dell’ennesimo grande privato, opere che comporterebbero la pressoché totale e definitiva cancellazione dei fondali protetti dalla Comunità Europea e della pineta, tristemente sostituiti con banchine in mare e piazzali per deposito di container nell’entroterra. Una colata di cemento che seppellirà l’ultimo tratto di costa fruibile di Civitavecchia regalandola ai grandi privati togliendola ai civitavecchiesi senza peraltro dare risposta ai piccoli diportisti locali. Infatti nei porti turistici, come sancito dal D.P.R. del 2.12.97 n.509, non è consentito lo stazionamento in acqua di imbarcazioni di lunghezza fuori tutto inferiore a 6,0 m. Che queste siano le reali mire del Sindaco e dell’Amministrazione non solo è testimoniato da decine di articoli in cui tale intento è dichiarato, ma è reso evidente dalla posizione assunta da Moscherini in relazione all’istituzione del Monumento Naturale. Infatti con nota del 30 luglio 2008 a firma congiunta con il sindaco Mazzola, il Primo Cittadino si è schierato contro l’istituzione del monumento naturale affermando che: “Non si ravvede poi neanche la sussistenza dei presupposti per il riconoscimento del vincolo di Monumento Naturale, …omissisis … su di un’area per di più fortemente degradata”, Come a dire che a fronte del degrado causato dalla centrale (sic!) non vale la pena tentare un opera di tutela e valorizzazione, quanto piuttosto stendere un “velo di cemento” sul tutto. Se veramente il Sindaco, l’Ass. Pierfederici e quanti altri, hanno a cuore la valorizzazione di tale porzione di territorio e la sua tenuta in condizioni dignitose, oltre ad intervenire con azioni di pulizia con costanza e metodicità, e non solo in concomitanza con le azioni di autorganizzazione dei cittadini, intervengano affinché l’ENEL adempia alla prescrizione che prevede lo spostamento dello scarico della pescicoltura, sostengano la proposta di istituzione del Monumento Naturale avanzata dalle nostre associazioni, unitamente al WWF, e supportata dalle firme di centinaia di cittadini/e e facciano pressione affinché la Regione approvi in tempi brevi il progetto di riqualificazione già presentato dall’Autorità Portuale ed attualmente in fase di valutazione negli uffici regionali. Ma soprattutto ritirino le proposte di cementificazione finora sostenute. Solo allora le dichiarazioni sulle volontà di riqualificare e rendere maggiormente fruibile la Frasca saranno credibili”.

ULTIME NEWS