Pubblicato il

Sagra dell’uva: scoppia la polemica politica

Cerveteri. Giuseppe Onorato di FN solleva dubbi sull’evento

Cerveteri. Giuseppe Onorato di FN solleva dubbi sull’evento

CERVETERI – Giuseppe Onorato esponente politico di Forza Nuova a Cerveteri critica l’organizzazione della Sagra dell’uva, sollevando dubbi su alcune scelte e procedure. «Il lupo perde il pelo, ma non il vizio – dice Onorato – Alessio Pascucci & company anche per questa sagra dell’Uva non si sono smentiti. Quest’anno il Comune ha fatto di tutto per non far organizzare la Sagra dell’Uva alla Proloco e sembrerebbe che ci sia riuscito ‘‘meravigliosamente’’ emanando un bando pubblico dove la Proloco è arrivata seconda». «Ma come mai – scrive in una nota Onorato – artisti e gruppi musicali sapevano già di dover suonare i giorni della Sagra dell’Uva, 10 giorni prima del bando? Come mai per 2 mesi i soldi a disposizione erano solo 20mila euro ed invece per il bando sono usciti 35mila euro? Inoltre perché i biglietti di prevendita di alcuni spettacoli dell’Estate Cerite sono stati venduti a Ladispoli e non a Cerveteri? E come mai per l’Ecofestival, poco eco, molto festival, sono stati richiesti e ottenuti ben 43.000 euro dalla Provincia di Roma e per la Sagra neanche 1 euro? Come mai si vuole far morire la Sagra dell’Uva riducendola ad una giornata e mezza? La Sagra è stata uccisa dall’incapacità, ma soprattutto dalla voglia di gestire il potere, di fare e disfare a proprio piacimento senza interpellare nessuno».

ULTIME NEWS