Pubblicato il

Scalo Matteuzzi, niente referendum

CIVITAVECCHIA – Nessun referendum, né una consultazione popolare sul futuro impiego dello scalo Matteuzzi. Questa la decisione scaturita ieri in Consiglio Comunale, nonostante l’opposizione di Ambiente e Lavoro che ha promesso, comunque, di battersi in qualsiasi sede istituzionale “al disegno politico scellerato – spiegano – che vuole un altro porto turistico sulla costa locale: tant’è che lo scorso ottobre abbiamo lanciato anche una proposta pubblica, ossia la possibilità di raddoppio del Porto turistico Riva di Traiano, che non comporta altri sacrifici di costa perché si fa verso il mare, in cambio di una riqualificazione dello scalo Matteuzzi rivolto alla balneazione ed al tempo libero”. La lista civica critica l’atteggiamento della maggioranza ricordando che si tratta degli ultimi 4 km di costa rimasti liberi, sui 20 totali, sottolineando che soltanto Ambiente e Lavoro è rimasto a sostenere la salvaguardia di questo tratto di costa, a fianco dei cittadini e del comitato spontaneo che si è costituito. “Con questo progetto – hanno aggiunto – si sottrarranno altri spazi per la balneazione ma non si riuscirà a dare una risposta al diportismo locale considerato i costi d’accesso e quelli relativi alla gestione dell’infrastruttura per non parlare poi dei problemi relativi alla viabilità, in quel tratto cruciale dell’Aurelia, che quella struttura comporterà”.

ULTIME NEWS