Pubblicato il

Servizi pubblici sempre più inaccessibili

Difficoltà per gli utenti all’Inps e all’Agenzia delle Entrate: lunghe file e pochi operatori Rassicurazioni in arrivo dai due settori, intanto oggi l’ufficio Urp del Comune rimarrà chiuso

Difficoltà per gli utenti all’Inps e all’Agenzia delle Entrate: lunghe file e pochi operatori Rassicurazioni in arrivo dai due settori, intanto oggi l’ufficio Urp del Comune rimarrà chiuso

CIVITAVECCHIA – Chi pensava che i disservizi della pubblica amministrazione, per quanto riguarda Civitavecchia, si fermassero al Comune, evidentemente si è dovuto ricredere. Il riassetto dei servizi pubblici, a quanto pare non soddisfa i civitavecchiesi, alle prese costantemente con la burocrazia e con ragionamenti incomprensibili degli enti pubblici, che mescolati alle innovazioni inaspettate creano una miscela esplosiva. E ad esplodere è la rabbia della gente, che a la Provincia ha rappresentato una serie di situazioni anomale, tutt’altro che rispettose del rapporto amministrazione-utenti. «Ieri (martedi, ndr) mi sono recato all’Inps per discutere una situazione che interessa la mia pensione – ha dichiarato un cittadino – un vigilantes però mi ha allontanato, parlando di una giornata di sciopero e suggerendomi quindi di tornare in un secondo momento. Uno sciopero che nessuno ha però pubblicizzato prima». Immediata la replica dell’Inps: «Faremo chiarezza su questa situazione, di sicuro non c’è stato nessuno sciopero – hanno fatto sapere dall’Istituto di via Canova – siamo costantemente a disposizione dei cittadini e ogni giorno diamo la possibilità di affrontare un problema diverso». Situazione sicuramente più grave all’Agenzia delle Entrate di via dell’Acquedotto Romano: da circa dieci giorni è stato chiuso lo sportello pubblico per le cartelle esattoriali, ora bisogna contattare un numero verde e prendere l’appuntamento. Da qualche giorno però anche l’unico operatore non riuscirebbe a ricevere i cittadini allo sportello, tutto questo mentre i 60 giorni di tempo previsti per eventuali ricorsi rischiano ogni volta di scadere. Anche l’Agenzia delle Entrate ha voluto rispondere ai cittadini: «Il numeretto non è obbligatorio ma consigliato, questo perché negli ultimi tempi c’è stata una affluenza di pubblico consistente. Entro due settimane inoltre potenzieremo il servizio allo sportello». Intanto la gente continua a stare in fila, molto spesso in un’attesa snervante in ogni settore. A proposito, l’ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune oggi rimarrà chiuso dalle ore 15 alle ore 18 a causa di traslochi.

ULTIME NEWS