Pubblicato il

Simula rapina per nascondere i debiti di gioco <br />

La Polizia ha denunciato un autotrasportatore sessantaduenne. L.C. ha fermato il suo mezzo sull’A12 chiamando il 113. Gli agenti ci hanno messo poco a scoprire il trucco 

La Polizia ha denunciato un autotrasportatore sessantaduenne. L.C. ha fermato il suo mezzo sull’A12 chiamando il 113. Gli agenti ci hanno messo poco a scoprire il trucco 

CIVITAVECCHIA – Lunedì sfortunato per un camionista civitavecchiese, che ha pensato di poter nascondere il vizio del gioco dietro una serie di bugie da raccontare. Solo che ha sbagliato interlocutori: L.C., autotrasportatore 62enne, ha fermato il suo mezzo presso un’area di servizio sull’A12, telefonando al 113 e denunciando anonimamente una rapina mano armata ai danni di un camionista. E sempre lui, all’arrivo della Polizia, ha descritto l’episodio, raccontando di essere stato vittima di un individuo che, minacciandolo con una pistola, lo aveva costretto a consegnargli il portafoglio contenente la somma di 550 euro, fuggendo subito dopo a bordo di una Bmw rossa, guidata da un complice. Nel ripetere agli agenti la dinamica della rapina, L.C. si è contraddetto diverse volte, insospettendo gli inquirenti che hanno deciso di approfondire le indagini. Gli uomini del dottor Giovanni Lucchesi hanno quindi interrogato alcuni probabili testimoni, i quali però hanno riferito di non aver visto ne sentito nulla. Determinanti sono state le telecamere a circuito chiuso dell’area di servizio, dalle quali, durante la ricerca di riscontri utili alle indagini, è emersa la verità: sull’A12 lunedì scorso non c’è stata alcuna rapina. L’ha simulata il camionista, ammettendo subito dopo di fronte ai poliziotti di averlo fatto per poter giustificare la perdita del denaro al gioco. Il 62enne è stato denunciato per simulazione di reato e procurato allarme. 

ULTIME NEWS