Pubblicato il

Spaccio, minacce ed estorsione: tre arresti

Operazione Perla del Tirreno". Indagine avviata ad agosto 2009 dal Nucleo Operativo e radiomobile della Compagnia di Civitavecchia Custodia cautelare in carcere per Renato Camboni di 49 anni, il figlio Mario 22enne e per Mauro Bassetti

Operazione Perla del Tirreno". Indagine avviata ad agosto 2009 dal Nucleo Operativo e radiomobile della Compagnia di Civitavecchia Custodia cautelare in carcere per Renato Camboni di 49 anni, il figlio Mario 22enne e per Mauro Bassetti

S. MARINELLA – Spaccio, minacce ed estorsione, con queste accuse sono finiti in carcere, stamattina all’alba, Renato Camboni di 49 anni, Mario Camboni di 22 anni e Mauro Bassetti di 36 anni, tutti di Santa Marinella e già conosciuti alle forze dell’ordine. Nelle prime ore del mattino, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Civitavecchia hanno dato esecuzione alle tre ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal tribunale di Civitavecchia. Bassetti dovrà rispondere alla giustizia anche delle reiterate violazioni delle prescrizioni previste dalla misura della sorveglianza speciale. Gli arresti scaturiscono al termine di una indagine avviata nel mese di agosto dello scorso anno, da parte dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Civitavecchia. L’operazione investigativa ha permesso di accertare un vasto giro di spaccio di cocaina nel comune di Santa Marinella, che ha portato nello stesso periodo agli arresti, in flagranza di reato, di cinque persone e al sequestro di circa 1 Kg di cocaina. La cessione dello stupefacente era affidata a giovani del luogo, spesso anche minorenni, che quando erano impossibilitati a saldare il prezzo della merce venivano costretti con violenze e minacce, dirette anche nei confronti dei loro familiari, a trovare ogni espediente per poter far fronte all’impegno preso. Gli arrestati, fatta eccezione per il 49enne, già detenuto nella casa circondariale di Viterbo, sono stati associati al carcere di Civitavecchia, dove rimarranno a disposizione dell’autorità giudiziaria. Renato Camboni, lo scorso 10 agosto, su mandato di una donna 48enne, tentò di mettere a segno un agguato nei confronti di alcune persone di Cerveteri: due prostitute e il loro protettore. La notte del 10 agosto il 49enne di Santa Marinella, insieme ad altri due pluripregiudicati, venne scoperto e arrestato dai militari prima che potesse attuare il disegno criminoso. I tre vennero sorpresi in un’auto armati di pistola, guanti in lattice e con indosso dei passamontagna. L’accusa fu quella di tentata rapina aggravata, estorsione, porto abusivo e ricettazione di arma da sparo. L’assalto, secondo la ricostruzione degli inquirenti, era stato organizzato dai malviventi nei minimi dettagli e avrebbe potuto avere effetti drammatici qualora non fosse stato scoperto dai Carabinieri. Le indagini dei Carabinieri avevano evidenziato che i tre pregiudicati, su commissione e dietro compenso corrisposto dalla 48enne, progettarono l’agguato per ‘‘convincere’’ due prostitute e il loro protettore a lasciare immediatamente un appartamento di cui la stessa mandante era proprietaria. Durante le perquisizioni effettuate sui componenti del commando, i militari sequestrarono una pistola con colpo in canna, un mefisto e tre paia di guanti in lattice. Le operazioni si estesero anche nelle rispettive abitazioni e in una di queste fu arrestato proprio il figlio di Renato, Mario Camboni. Il 22enne, alla vista dei militari, tentò di disfarsi di circa mezzo chilo di cocaina, lanciandolo da una finestra. Per tale motivo il ragazzo, fino a ieri si trovava agli arresti domiciliari. Non da meno il curriculum di Bassetti, noto alle forze dell’ordine per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

ULTIME NEWS