Pubblicato il

Sparatori di Tarquinia, Tony Mancini eletto nuovo portavoce

L'ispettore di polizia con ben 12 voti a favore prende il posto dell’imprenditore Enrico Benedetti che ha ottenuto solo due preferenze

L'ispettore di polizia con ben 12 voti a favore prende il posto dell’imprenditore Enrico Benedetti che ha ottenuto solo due preferenze

TARQUINIA – È stato letto il nuovo portavoce del gruppo sparatori dell’associazione Fratelli del Cristo risorto. Venerdì sera si è tenuta la votazione del nuovo vertice del gruppo su richiesta del numero uno uscente, Enrico Benedetti il quale, dopo le incomprensioni con l’ispettore di polizia Tony Mancini sul tema delle modalità di sparo, ha voluto contare i voti suoi con quelli del concorrente e successore. Dalle urne a scrutinio segreto è risultato che l’imprenditore Benedetti ha ottenuto 2 preferenze contro le 12 di Mancini. Netta quindi la vittoria del nuovo rappresentante, che si fa portavoce degli alti valori su cui si basa l’associazione.  “Si agisce a dimostrazione del forte amore e legame che ci lega a questa nostra splendida città – spiega Mancini -, e ben vengano innovazioni a garanzia della sicurezza degli sparatori e del pubblico, che aspettiamo sempre più numeroso. Una città a chiara vocazione turistica deve conformarsi agli standard europei di sicurezza anche a costo di piccoli sacrifici economici, e siamo orgogliosi di poter svolgere la manifestazione praticamente senza differenze dagli scorsi anni, e allo stesso modo poterci vantare di una chiara e inattaccabile posizione giuridica e di legalità”. Da uomo che deve far rispettare la legge non si potrebbe attendere un discorso diverso: “Se usare armi con munizioni a salve, che comportano una spesa per gli sparatori, deve comportare un piccolo costo – specifica Mancini -, lo facciamo col cuore e con la profonda e dovuta devozione, e non in un’ottica imprenditoriale”. Da qui, “nessuno screzio con le autorità competenti, che anzi si sono dimostrate disponibili e costruttive, dimostrando anche loro un forte attaccamento ai valori e alle tradizioni di Tarquinia”. Infine, dopo aver sistemato le beghe interne all’associazione, Mancini riporta le parole del presidente dei Fratelli del Cristo Risorto, monsignor Cono Firringa, improntate al fare: “Sono stati già avviati i lavori per la processione di Pasqua. Tutti siano pronti per dare il meglio di loro stessi”.

ULTIME NEWS