Pubblicato il

Stupro a Montalto, rissa verbale in diretta su Domenica Cinque

Un paese schierato dalla parte degli otto ragazzi accusati. Una donna difende la vittima e scoppia il putiferio

Un paese schierato dalla parte degli otto ragazzi accusati. Una donna difende la vittima e scoppia il putiferio

MONTALTO DI CASTRO – La Storia della ragazza violentata a Montalto di Castro, raccontata domenica su Canale 5 nel corso del programma ‘‘Domenica Cinque’’ Condotto da Barbara D’Urso. Momenti concitati durante il collegamento con l’inviata, Francesca Cenci, che ha introdotto un animato confronto tra gli abitanti del paesino, schierati dalla parte degli otto ragazzi accusati di stupro e gli ospiti presenti negli studi televisivi, tra cui Vittorio Sgarbi, Alba Parietti, il direttore di Videonews Claudio Brachino e Daniela Santanchè. Suggestivo il racconto della madre della ragazza violentata, supportata nelle argomentazioni dalla scrittrice Danila Comastri Montanari. Poche le dichiarazioni arrivate dalla piazza di Montalto, quasi tutte a favore degli otto compaesani, mentre non sono mancate parole di sdegno nei confronti della ragazzina violentata, originaria della vicina Tarquinia, quasi a voler stabilire una sua responsabilità nei fatti accaduti a maggio di due anni fa. Poi qualcuno prende le parti della ragazza tarquiniese e scoppia il putiferio: la donna che ha cercato di spostare l’attenzione sulla gravità legata ad un qualunque episodio di violenza sessuale, ovunque esso avvenga, è stata attaccata ferocemente da un gruppo di montaltesi, intanto aumentato nel corso della diretta. Inutile ogni tentativo da parte della conduttrice di riportare il confronto su toni più pacati: la rissa verbale si è trascinata per diversi minuti, tanto che a Barbara D’Urso non è rimasto che chiudere il collegamento affermando: «Tutta la gente di Montalto non è così, non ci voglio credere».

ULTIME NEWS