Pubblicato il

Tia, si va verso il rimborso dell'Iva

CIVITAVECCHIA – «È in corso di predisposizione da parte del dipartimento per le Politiche fiscali del ministero dell’Economia e dell’Agenzia delle Entrate una norma che consentirà di risolvere la questione sorta in seguito alla sentenza della Corte Costituzionale nr 238 del 2009, prevedendo al riguardo l’emanazione di un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate che definisca le modalità con cui procedere, attraverso il meccanismo della compensazione fiscale, al rimborso dell’Iva corrisposta dai contribuenti sugli importi dovuti ai Comuni a titolo di tariffa di igiene ambientale». Lo ha dichiarato il sottosegretario all’Economia Daniele Molgora, rispondendo ad un’interrogazione parlamentare sulla vicenda Tia, che da mesi tiene banco anche a Civitavecchia. Anche se non è stato possibile in precedenza affrontare la questione per via dell’inammissibilità delle proposte emendative presentate al Senato, la soluzione sembrerebbe vicina: se i cittadini di San Nicola La Strada (Comune della provincia di Caserta alle prese con la battaglia Tia) dovessero risolvere definitivamente il problema dell’Iva, di sicuro anche per Civitavecchia ci sarebbe la possibilità di chiudere la partita. Sesso problema infatti, stesso periodo di riferimento fatturazione, stesse istanze presentate agli enti sovraordinati. Tutto identico tranne un particolare: a San Nicola La Strada il Sindaco, con una lettera, ha palesato l’intenzione dell’amministrazione di di procedere alla restituzione dell’Iva indebitamente versata. A Civitavecchia, invece, non c’è risposta neppure alle diffide inviate dai cittadini.

ULTIME NEWS