Pubblicato il

Tidei: "Al Comune appalti truccati"

Il deputato del Partito democratico denuncia in tv: commesse frazionate in modo illegittimo. Poi spiega: «Un’operazione vietata dalla legge, attuata dividendo i procedimenti tra tre assessorati per portare gli importi sotto la soglia comunitaria». L’onorevole: «Scelte politiche condizionate dalla droga. I civitavecchiesi devono risvegliarsi, servono schiene dritte. Basta con i consiglieri che si vendono per quattro soldi»

Il deputato del Partito democratico denuncia in tv: commesse frazionate in modo illegittimo. Poi spiega: «Un’operazione vietata dalla legge, attuata dividendo i procedimenti tra tre assessorati per portare gli importi sotto la soglia comunitaria». L’onorevole: «Scelte politiche condizionate dalla droga. I civitavecchiesi devono risvegliarsi, servono schiene dritte. Basta con i consiglieri che si vendono per quattro soldi»

CIVITAVECCHIA – «Inutile che Nunzi continui a farfugliare cose incomprensibili: a Civitavecchia gli appalti sono truccati».
Lo ha dichiarato in un’intervista televisiva Pietro Tidei, intervenendo sui risultati conseguiti in questi anni dall’amministrazione Moscherini.
Il deputato del Partito democratico ha chiamato in causa la magistratura: «Il frazionamento degli appalti è vietato per legge – ha spiegato ai microfoni di un’emittente locale – qui vengono divisi in tre, fra l’assessorato ai Lavori pubblici, quello all’Urbanistica e quello alle Manutenzioni.
Una divisione degli appalti affinché questi rimangano al di sotto della soglia comunitaria – ha proseguito Pietro Tidei – per poterli così affidare a chi vogliono».
Si sente sicuro il parlamentare di centrosinistra, tanto che invita coloro che dovessero sentirsi offesi a querelarlo: «Così avrò modo di spiegare al Procuratore il trucco – ha dichiarato Tidei – e sono pronto a farlo carte alla mano, ammesso che non facciano sparire i documenti, visto che tra le varie malefatte sanno fare anche questo».
L’onorevole Tidei a ruota libera contro l’amministrazione Moscherini: «Una città governata dalla droga – ha sostenuto – in cui la droga oggi ha una forte influenza sulle scelte politiche operate». Infine Pietro Tidei ha invitato la città di Civitavecchia a risvegliarsi: «Occorre stare con la schiena dritta – ha concluso – basta vedere consiglieri comunali che passano da una parte all’altra e che si vendono per quattro soldi».
Parole pesanti, quelle utilizzate dal deputato del Partito democratico, che di sicuro susciteranno delle reazioni.

ULTIME NEWS