Pubblicato il

Tidei: "Battilocchio eviti lo scempio del Pdz"

ALLUMIERE – Non c’è pace nella frazione di la Bianca ad Allumiere. Prosegue infatti il botta e risposta tra l’onorevole Pietro Tidei e il sindaco Augusto Battilocchio che ha dato l’ok al Piano urbanistico di zona. Dopo l’intervento del primo cittadino, che difende a spada tratta il progetto urbanistico, torna a prendere la parola il parlamentare del Pd.  

“Il mio interessamento sulla vicenda – spiega Tidei a Battiloccchio  –  è stato chiesto dalla collettività della Frazione di La Bianca con una missiva, resa pubblica dai mass media, che tu dovresti conoscere, nella quale mi si chiedeva, fra l’altro: “Perché, Onorevole Tidei, non ha ancora preso pubblica posizione di fronte ad atti amministrativi semplicemente scandalosi per modalità, contenuti e rapporti? Forse perché non ne è ancora a conoscenza? O forse, perché, diversamente dalle casette di legno di Civitavecchia, l’Amministrazione Comunale di Allumiere è retta dal centrosinistra? Vede, Onorevole Tidei, gli abusi, specie se clamorosi ed evidenti a tutta l’opinione pubblica, non hanno colore politico; sono e restano sempre illegittimi e, come tali, devono essere rimossi” “. “Nei giorni successivi – prosegue il parlamentare – ho incontrato i rappresentati della frazione, ascoltato i loro rilievi ed acquisito, sempre dagli stessi, le copie delle delibere assunte dal Comune di Allumiere ed il testo delle osservazioni e delle opposizioni presentate dalla collettività della Frazione. Dall’esame della documentazione emerge che il P.d.Z. di La Bianca non era previsto nel programma elettorale, è stato adottato in piena estate (20 luglio 2009, termine per le osservazioni dal 4 al 24 agosto 2009) ed all’insaputa della collettività della Frazione di La Bianca. L’incontro pubblico da te sbandierato è stato fissato sotto le festività natalizie, in un giorno feriale ed in orario di lavoro. Abbiamo concetti diversi di democrazia, di confronto, partecipazione ed assunzioni di decisioni”. “Sempre dall’esame della predetta documentazione – insiste Tidei – emerge l’evidente illegittimità del P.d.Z., sotto plurimi profili, come provato dalla copiosa e costante giurisprudenza indicata nelle osservazioni ed opposizioni. Emerge, altresì, l’irrazionalità, l’assoluta inopportunità e l’irresponsabilità di localizzare nella frazione, già priva di parcheggi, di marciapiedi e di adeguate strade e di altre necessarie infrastrutture e servizi essenziali, un piano del genere che, fra l’altro, deturpa irrimediabilmente la più importante risorsa ambientale del territorio, costituita dal Faggeto. Il Pdz. di La Bianca è oggettivamente dannoso la vivibilità, l’incolumità pubblica e costituisce fonte di grave ed irreparabile pregiudizio naturalistico ed ambientale. Un eventuale Pdz, adeguatamente dimensionato, doveva essere, al limite, realizzato, non nella Frazione, ma nelle zone di espansione del Comune di Allumiere e previa eliminazione dello scempio ambientale costituito dagli imponenti scheletri, in cemento armato, del P.d.Z. della Bolzella”. “Caro Sindaco – conclude Tidei – io conosco molto bene la collettività della Frazione di La Bianca, le caratteristiche della Frazione ed i problemi che da anni la affliggono. Ti posso assicurare che tra questi non vi è il problema della casa, ma quello della viabilità e dell’assenza di parcheggi, i quali si palesano in tutta la loro evidenza e gravità nei fine settimana e durante l’intera estate, a causa della presenza nella Frazione di numerosi ristoranti. Ma chiedo a te, dove vivi? Da quanto tempo devi passare dalla Frazione? Se mi è consentito vorrei inviatarti a pranzo, insieme ai consiglieri di maggioranza una delle prossime domeniche, per fare due passi nella Frazione per vedere insieme i luoghi e tenere poi un confronto pubblico con la collettività della Frazione, in particolare con i 134 firmatari delle osservazioni e delle opposizioni e con le loro famiglie, vale a dire la stragrande maggioranza della collettività, per ricevere poi dalla stessa collettività l’encomio che ti auspichi di ricevere. Le tue repliche non hanno risposto ad alcuna delle domande da me poste, ma si solo polemiche, arroganti e supponenti, che mi lasciano sempre più convinto della illegittimità ed inopportunità del P.d.Z. di La Bianca. Un consiglio se posso permettermi: evita questo scempio urbanistico ambientale in prossimità del bene più prezioso che abbiamo cioè il faggeto”.

ULTIME NEWS