Pubblicato il

Tribunale, gli avvocati incrociano le braccia

CONFERENACIVITAVECCHIA – «L’organizzazione del tribunale versa in una insostenibile situazione di disagio più volte infruttuosamente rappresentata anche in merito all’inosservanza della corretta disciplina delle udienze e, più generalmente, dei principi minimi di rispetto della funzione difensiva». Questo si legge nei manifesti appesi al Palazzo di Giustizia a firma del presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati Antonio Carlevaro, di quello della Camera Penale Bruno Forestieri e della rappresentante Oua Paola Girotti: un documento che annuncia la convocazione di una assemblea degli avvocati per il 22 giugno prossimo, con astensione dalle udienze civili e penali. «Pur nel massimo rispetto dei magistrati – hanno spiegato i tre professionisti – ci sono questioni che vanno chiarite». Alla base della protesta un episodio accaduto nel corso dell’udienza collegiale di giovedì scorso quando è stato chiesto il rinvio per legittimo impedimento dovuto alla malattia di uno degli avvocati difensori. «A giustificare l’assenza del legale, peraltro professionista che ha sempre mostrato correttezza nel corso degli anni – hanno aggiunto – un certifdicato medico che, dettagliatamente, descriveva la gravità della malattia. Il rinvio, tuttavia, è stato concesso dopo diverse obiezioni sollevate sull’istanza di rinvio, non formalmente completa e corretta. Un episodio che ci dispiace molto, soprattutto dal punto di vista umano». Gli avvocati auspicano anche un confrotno con i magistrati per chiarire questo tipo di problematiche.

ULTIME NEWS