Pubblicato il

Tuscia rock, tanti big sul palco di Montalto di Castro

MONTALTO DI CASTRO –  Dal 21 al 24 luglio, torna a Marina di Montalto di Castro, il Tuscia Rock Festival. Quest’anno con l’esperimento infrasettimanale. La Sevensounds di Mario Sperandei e Mirko Cucci è sicura che non ci saranno cali di pubblico. Il cast infatti comprende: gli Hot Tuna con i due leggendari architetti del sound psichedelico caratteristico di San Francisco, Jack Casady e Jorma Kaukonen. Nonostante si siano incontrati alla fine degli anni 50, non hanno mai perso l’ispirazione e l’abilità di creare melodie incredibilmente genuine, caratterizzate dal disinvolto approccio alla West Coast e dai leggendari brani acustici. Nella formazione attuale ormai parte integrante della famiglia Hot Tuna, il mandolinista Barry Mitterhoff con il suo background di bluegrass e di esperienze musicali con la Metropolitan Opera e il New York City Ballet. Il 22 luglio torna in Italia la splendida voce di Ray Wilson che ha caratterizzato esperienze diversissime fra loro: dal grunge degli Stiltskin al Brit Pop dei Cut, nonché i Genesis post Phill Collins. Importanti esperienze formative alle quali ha dimostrato di saper tener testa e dalle quali ha saputo separarsi per camminare con le proprie gambe, affermando pienamente le sue doti artistiche. Il 23 luglio è la volta di Tony Esposito, la cui musica è ispirata da sonorità provenienti da molti Paesi del mondo, che ha mescolato con ritmi tribali e melodie tipiche della musica partenopea. L’originalità del suo approccio si può ritrovare nell’invenzione di strumenti unici come il tamborder, suono onomatopeico di uno dei suoi più famosi brani: “Kalimba de Luna”. Tony ha collaborato in passato con i più grandi artisti italiani, Pino Daniele, Edoardo Bennato, Alan Sorrenti, Juan Lorenzo, Lucio Dalla, Francesco De Gregori, Gino Paoli, Roberto Vecchioni, Francesco Guccini, Eugenio Bennato, Claudio Rocchi, Mauro Pelosi. Insieme a Tullio De Piscopo, James Senese, Joe Amoruso, Rino Zurzolo e Fabio Forte, ha contribuito a coniare il termine “blues metropolitano “ che trova il punto di massima espressione artistica forse nell’album di Pino Daniele “Vai mò” del 1981. Dagli addetti ai lavori è chiamato “king of percussion”. Chiude l’edizione 2009 del Tuscia Rock festival, l’inconfondibile voce di Piero Pelù. “Acquasantissima” un progetto dello stesso Piero Pelù, assolutamente originale ed unico nel panorama musicale italiano che vede sul palco un cantante e un chitarrista rock con una formazione di chiaro stampo tzigano. Nello spettacolo di oltre 2 ore, saranno completamente riarrangiati in chiave Rock and Rom, brani del repertorio di Pelù come: “Tziganata”; “Toro Loco”; “Bomba Boomerang”; “Lacio Drom”; “El Diablo”; e i più recenti “Tribù”; “Tutti Fenomeni”; “Mamma Ma-donna”; “Viaggio” dal quale giungono i ritratti di persone Rom riprese durante il video omonimo girato da Pelù a Saintes Maries de La Mer in Camargue per la festa annuale di Santa Sarah, protettrice di tutti i popoli nomadi. Dal repertorio di Acquaragia Drom, Pelù canta brani come “Fame da Lupo”;”Mafia”; un classico della tradizione nomade dell’ est Europa “Hoy Mama”, fino ad una reinterpretazione appassionata de “Il Vino” di Piero Ciampi. Una festa in piena regola vissuta innanzitutto sul palco: il feeling nato tra l’artista fiorentino e il quintetto Rom è il catalizzatore e l’ingrediente principale della buona riuscita di questo interessantissimo progetto. Lo show multimediale coinvolge tutto il pubblico presente, portandolo per mano in un viaggio attraverso l’attualità e le tradizioni più lontane ed affascinanti. “Quest’anno il Tuscia Rock – riferisce Il direttore artistico Mario Sperandei – ha una veste nuova: un cast artistico d’eccezione, senza gruppi emergenti e cover band. Abbiamo infatti deciso di fare un edizione diversa dal solito, solo 4 concerti ma con artisti di grande livello. A salire sul palco di Montalto Marina saranno artisti americani, italiani, scozzesi, inglesi, di chiara origine rom. Questo è infatti l’anno dell’internazionalità”. “Stiamo poi già lavorando su un progetto per la prossima edizione – continua Mirko Cucci – che comprenderà band emergenti soprattutto della nostra provincia, ma adesso godiamoci queste 4 serate di pura musica live. Ringraziamo infine il comune di Montalto di Castro, rappresentato dal Sindaco Salvatore Carai e dall’assessore al turismo e spettacolo Gabriele Rossi, è chiara l’intenzione da entrambe le parti di svolgere anche in futuro, il Tuscia Rock festival nel comune tirrenico . L’appuntamento è a Marina di Montalto di Castro in p.le del Palombaro, dal 21 luglio con il Tuscia Rock Festival che come sempre è a ingresso libero.

ULTIME NEWS