Pubblicato il

Ustionata dal volto fino ai fianchi

Tarquinia. Tragica morte per Anna Ponti, 60 anni, trovata carbonizzata dal figlio che rientrava in casa dal lavoro La donna era riversa sul pavimento davanti all’ingresso del bagno. Domani l’autopsia per stabilire le cause del decesso

Tarquinia. Tragica morte per Anna Ponti, 60 anni, trovata carbonizzata dal figlio che rientrava in casa dal lavoro La donna era riversa sul pavimento davanti all’ingresso del bagno. Domani l’autopsia per stabilire le cause del decesso

TARQUINIATARQUINIA – Tragedia in un appartamento di via delle Rose. Una donna di 60 anni, Anna Ponti, è stata trovata in casa senza vita, completamente carbonizzata. Ad accorgersi di quanto accaduto, mercoledì sera intorno alle 21, sarebbe stato il figlio Fabio al suo rientro dal lavoro. Il ragazzo, 33enne, aveva tentato per tutto il pomeriggio di mettersi in contatto con la madre senza tuttavia ricevere alcuna risposta. Dopo le vane telefonate anche da parte di altri familiari, il giovane, in tarda serata, ha deciso di recarsi di persona a casa della madre, ma giunto sul posto si è trovato di fronte uno scenario raccapricciante. Immediatamente avvertiti i soccorsi, i medici del 118 non hanno, però, potuto fare altro che constatare il drammatico decesso. Sul fatto indaga la polizia del Commissariato di Tarquinia. Da capire cosa possa essere accaduto alla donna durante le ore trascorse in casa da sola. La ricostruzione più accreditata sarebbe ancora quella di una probabile scintilla fuoriuscita dal camino che potrebbe aver infiammato gli abiti della donna. La 60enne, nel tentativo TARQUINIAmal riuscito di raggiungere il bagno, forse per tentare di spegnere le fiamme con l’acqua, sarebbe però caduta a terra (non si sa se impaurita o colpita da un malore), dove poi è stata trovata ustionata dalle fiamme nella parte superiore del corpo: dal volto fino ai fianchi. Appresa la tragedia, alcuni familiari si sono precipitati nei pressi della villetta di via delle Rose ed hanno atteso sulla strada la conclusione dei rilievi da parte degli agenti della scientifica che hanno lavorato per ore. Intorno alla mezzanotte il corpo della donna è stato rimosso e trasferito presso l’obitorio dell’ospedale di Tarquinia a disposizione dell’autorità giudiziaria. La casa non è stata sottoposta a sequestro, ma resta comunque sotto la tutela della polizia per altre eventuali indagini. Oggi non erano stati ancora  fissati i funerali della donna. Con ogni probabilità nella giornata di domani sarà effettuata l’autopsia per accertare le effettive cause della morte. Da capire infatti se il decesso sia stato causato da un malore o se sia stato una conseguenza delle ustioni e dell’asfissia. Da capire, anche, a che ora possa essere accaduto il drammatico incidente. Tanti i dubbi che invadono i familiari e il figlio della povera donna. Il ragazzo già qualche anno fa aveva perso il papà, morto per un male TARQUINIAincurabile. Una tragica fatalità consumatasi tra le mura domestiche gli ha strappato anche la madre. La donna potrebbe essersi assopita vicino al camino e dunque potrebbe essere stata raggiunta da un tizzone. O forse, manovrando il fuoco per accenderlo, potrebbe essere stata travolta da una vampata di fuoco. Solo nei prossimi giorni sarà possibile avere un quadro completo della triste vicenda.

ULTIME NEWS