Pubblicato il

Via libera in assise alla Variante Aurelia e a Monna Felicita

CONSIGLIOCIVITAVECCHIA – Oltre quattro ore di consiglio per approvare solo due provvedimenti. E’ questo il risultato della seduta, piuttosto concitata, che si è svolta questa mattina. Il sindaco Moscherini ha esordito con un intervento volto a ribadire la presenza di progetti fermi in Regione, oltre al contenzioso che grava sul comparto termale, per cui il comune rischierebbe di essere costretto a rimborsare la Mastrofini srl per oltre 15 milioni. Il Sindaco ha inviato una lettera al presidente Marrazzo in cui auspica un celere intervento risolutivo. Bagarre a ripetizione al momento della presentazione di interrogazioni e mozioni da parte dell’opposizione, per via delle assenze fra i banchi dei consiglieri di maggioranza. Il presidente Cappellani, a seguito delle rimostranze dei consiglieri di minoranza ha chiesto ben due volte la verifica del numero legale. L’unica mozione, discussa a fatica, è stata quella inerente il credito che la società Mad vanterebbe nei confronti di Etruria servizi e che ammonta ad oltre 1 milione e 300 mila euro. L’assessore Nunzi ha spiegato che il comune, non appena avrà le risorse finanziarie, erogherà il pagamento, e che intanto i lavori di ampliamento della discarica sono stati eseguiti. Dopodiché è stata la volta dei provvedimenti della maggioranza. Polemiche anche per quanto riguarda l’omogeneizzazione dei vincoli di edificabilità del tracciato della variante Aurelia, che la minoranza ha richiesto di ritirare, ma poi approvato a colpi di maggioranza. L’unico voto unanime c’è stato per il provvedimento presentato dall’assessore De Marco, ovvero la realizzazione del comparto a servizi collettivi in località Monna Felicita, che consentirà il completamento della vecchia zona industriale. «Il lavoro svolto in commissione sviluppo con l’assessore – ha detto Marietta Tidei – è un esempio di come si può la realizzare la concertazione tra maggioranza e opposizione».

ULTIME NEWS