Pubblicato il

Vittorio Petrelli sulle assunzioni all'Enel

Il consigliere comunale scrive a Fulvio Conti

Il consigliere comunale scrive a Fulvio Conti

CIVITAVECCHIA – Egr. Amministratore, come Lei sa bene, la presenza di una centrale termoelettrica dell’entità di Torre Valdaliga nord in un Territorio “a rischio ambientale” (definizione di Enti superiori), richiede tutta una serie di accorgimenti e precauzioni tra cui la massima correttezza e trasparenza nel rapporto con il territorio ed i suoi rappresentanti.
In questo senso come non ricordare, ad esempio, l’intervista a Minniti, già Sindaco di Brindisi che, in riferimento alla compatibilità ambientale delle grandi centrali, affermava che “il punto è quello di essere trasparenti, cioè di assicurare alla gente che quello che accade, accade nel rispetto delle regole”.
Tanto premesso, vengo al motivo di questa missiva.
Da qualche tempo, nei corridoi di Palazzo del Pincio circolano voci che si fanno sempre più insistenti, secondo cui Enel o alcune aziende comunque collegate al gruppo (come ad esempio Terna), sarebbero in procinto di assumere alcuni giovani, che, e qui il condizionale è d’obbligo, potremmo definire “amici degli amici”, ovvero, familiari e parenti di amministratori comunali di Civitavecchia.
Mi perdonerà se cerco da Lei una chiara e pubblica smentita, ma il timore che il “sistema gelatinoso” balzato agli onori delle cronache giudiziarie possa riguardare Civitavecchia, è un pensiero che leva il sonno, se non altro perché se queste voci fossero anche solo parzialmente vere, la coincidenza sarebbe difficilmente giustificabile e le conseguenti implicazioni per il territorio, per la politica locale e per l’Enel, di portata apocalittica: non Le nego che sarebbe poi persino lecito sospettare che si fa mercimonio della salute delle persone!
Dott. Conti, procedere all’assunzione di personale senza che venga avviata una pubblica selezione, a meno che non si tratti di personale altamente specializzato, è eticamente poco corretto a fronte degli interessi in gioco, tanto più se trattasi di figli, nipoti e parenti di questo o quel politico locale, ma questo Lei lo sa bene, ed è per tali ragioni che spero Vorrà prendere una posizione netta e confermare pubblicamente che queste voci non sono altro che un chiacchiericcio estivo privo di qualunque fondamento.
Prima di salutarLa vorrei abusare ancora un pò della Sua disponibilità e chiederLe quando inizieranno i lavori del parco di 40 ettari che il Decreto VIA 680 ha inserito a titolo di prescrizione per la riconversione della centrale, tenuto conto che quelle aree, fino ad ora occupate dal cantiere, sono ormai in dismissione per buona parte .
In attesa di un Suo cortese riscontro, Le porgo i miei più cordiali saluti. 
 

ULTIME NEWS