Pubblicato il

Depuratore, De Paolis promuove un tavolo

Denunciato uno stato di disagio per i residenti

Denunciato uno stato di disagio per i residenti

CIVITAVECCHIA -Aria maleodorante, porte e finestre ben sprangate. È il dramma denunciato da molti cittadini residenti in prossimità del «tanto famigerato depuratore e all’interno del Porto» come ha riportato, facendosi portavoce dei residenti, il consigliere provinciale di Sel Gino De Paolis: «Un disagio questo, non solo per i residenti di quei quartieri, ma anche per i lavoratori portuali, già costretti a lavorare in un ambiente pericoloso, e per di più malsano per le maleodoranti inalazioni che sono costretti a sopportare. Tra l’altro, in questi giorni sono numerosi i turisti e i croceristi che transitano per il Porto, e la situazione che si trovano consegna una pessima immagine della città, è una vergogna. Nonostante le numerose denunce e segnalazioni, compresa quella presentata da noi tre anni fa, a seguito della quale è partita l’indagine della Procura affidata alla Guardia di Finanza, a tutt’oggi siamo ancora in attesa di capire le eventuali responsabilità del carente funzionamento dell’impianto di depurazione della città. Eravamo già arrivati a capire in quell’occasione che c’era un rimpallo di responsabilità tra il Comune e la Regione Lazio. Percorse tutte le strade possibili e immaginabili, non ci resta che fare appello a tutti, al sindaco, alle autorità preposte alle indagini, alla Capitaneria di Porto e al presidente dell’Autorità Portuale con la convocazione di un tavolo per fare sintesi su questa che ormai è diventata un’emergenza».

ULTIME NEWS