Pubblicato il

Finto prete arrestato a Roma, nel 2006 mise a segno un colpo in città

CIVITAVECCHIA – Ha una lunga carriera alle spalle il finto prete arrestato nei giorni scorsi dai carabinieri del nucleo investigativo di Roma che lo scorso 4 luglio ha rapinato una gioielleria di Via Condotti a Roma ed era sparito nel nulla.
L’uomo, già con precedenti per stupefacenti e rapina, nel 2006 aveva messo a segno un altro colpo a Civitavecchia, armato e con quattro complici. Il rapinatore non ha fissa dimora e nei giorni seguenti il colpo grosso a Via Condotti, aveva dormito presso alcuni affittacamere nel centro di Roma azzardando un pernottamento anche nei pressi della caserma dei carabinieri. I militari, grazie ad una complessa attività di indagine lo hanno rintracciato, con l’aiuto di alcuni testimoni che lo hanno riconosciuto, in uno dei suoi alloggi provvisori sulla Cassia. All’interno dell’abitazione sono state trovate le fascette di plastica che il trentottenne aveva usato per immobilizzare una delle due commesse della gioielleria. Della pistola, forse un’arma giocattolo, i soldi e dell’abito talare ancora nessuna traccia. Probabilmente sono stati nascosti subito dopo la rapina. Alcuni testimoni infatti hanno dichiarato di averlo visto, prima di essere identificato, col bottino in mano in via Belsiana.

ULTIME NEWS