Pubblicato il

Furti a Boccelle, residenti sul piede di guerra

CIVITAVECCHIA -«Siamo ostaggi della criminalità». Questo l’appello dei residenti del quartiere Boccelle. I cittadini oramai disperati per i continui furti nelle loro abitazioni, denunciano il loro enorme disagio sia alle forze dell’ordine che alla stampa. «Ci siamo rivolti più volte alle autorità –  aggiunge – questa volta ci rivolgiamo direttamente al Procuratore Capo Amendola». I cittadini infatti stanno raccogliendo le firme per poter presentare un esposto, inoltre si sono organizzati tra loro per delle ronde di quartiere, investigando sia nei cantieri che nelle strade trovando solo dei futili resti di refurtiva. «Ci troviamo davanti a delle situazioni che hanno del surreale – spiega la stessa cittadina – io personalmente sono stata derubata tre volte, per non parlare degli altri abitanti del quartiere, che hanno addirittura attaccato ai cancelli dei cartelli scritti in rumeno con rispettiva traduzione in italiano, per avvertire i possibili ladri che sono già stati lì». La residente racconta di persone narcotizzate, segregate nelle stanze mentre i ladri operavano indisturbati. È un appello pieno di paura quello che gridano gli abitanti di Boccelle, seppure l’incremento di controlli da parte della Polizia e dei Carabinieri è innegabile. Per dovere di cronaca va detto che alle forze dell’ordine risulta un numero di denunce nettamente inferiore ai casi sollevati dai residenti. L’invito è quello di denunciare e segnalare movimenti e persone sospette nella zona.

M.D.A.

ULTIME NEWS